Rodrigo De Paul è senza dubbio l’oro di Udine. L’argentino classe 1994 rappresenta il fiore all’occhiello della squadra di Luca Gotti, capace di difendere con ordine prima di innescare El Diez di Sarandí.

Valore aggiunto

L’ex Valencia, numeri alla mano, sembra giocare in una squadra di alta classifica per quanto incide sulla squadra. A sfavorirlo è la scarsa concretizzazione dei suoi compagni: l’Udinese è una delle squadre con il maggior numero di chiare occasioni da gol non concretizzate di tutto il campionato. Basti pensare che Rodrigo ha un expected assist di 3,57 nonostante sia ancora a 0 assist in stagione. Detto ciò, i numeri personali di De Paul rimangono devastanti in quanto spicchi in molti fondamentali diversi come il dribbling, i km percorsi ma anche i duelli difensivi.

Qualità e quantità

L’Udinese è riuscita a rivalutare un ragazzo reduce da un ritorno in Argentina al Racing Avellaneda dopo 44 partite al Valencia dove non è riuscito a dimostrare a pieno il suo talento. Dunque, durante la sua seconda parentesi in Sudamerica, si poteva pensare ad un giocatore destinato a fare faville in patria senza il grande salto in Europa. Invece dopo 4 anni da protagonista assoluto a Udinese, De Paul in questa quinta annata mette nel mirino una chiamata da parte di un top club per realizzarsi definitivamente come uno dei centrocampisti più funzionali e importanti del palcoscenico europeo.

Incognita futuro

Come diceva poco fa, a rendere interessante la carriera di De Paul è il suo non aver mai vestito una maglia di un top club europeo con titolarità, con tutto il dovuto rispetto a realtà come Valencia e Udinese. Prossimo ai 27 anni a maggio, De Paul ha raggiunto l’età ideale per la maturazione. Starà lui scegliere se fare una carriera “alla Berardi” vale a dire legato ai colori nonostante le lusinghe di società più blasonate oppure affrontare una sfida più intrigante anche a stampo europeo. Per ora, comunque andrà a finire, ce lo godiamo almeno un altro anno in Italia con la speranza per i tifosi friulani e non solo che possa continuare ad illuminare come da varie stagioni a questa parte.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008