Milan, Ag. Conti: “Andrea in campo per inizio settembre. Biraghi? Se me lo dovessero chiedere…”

L’agente di Andrea Conti, Mario Giuffredi, ha parlato quest’oggi in esclusiva alla redazione di Milan News. Ecco le sue parole riportate da milannews.it:

Sul recupero di Conti? “Sta procedendo benissimo, alla grande. E’ con il morale alle stelle, i tempi di recupero sono quello giusti. Per il ritiro estivo sarà quasi pronto per iniziare l’attività, è molto contento e non vede l’ora di iniziare con la squadra”.

Se tornerà già a settembre: “Secondo me anche prima, per inizio settembre Conti è pronto, al massimo metà settembre”.

Sui tifosi del Milan: “I tifosi del Milan sono unici, quello che hanno dimostrato per Conti non l’ho mai visto. E’ un qualcosa di indescrivibile, non conoscevo una tifoseria così legata ad un giocatore, sostengono Andrea fin dal primo giorno. Sono stati veramente bravissimi nei suoi confronti, spero che Andrea possa ripagarli prima possibile”.

Sulla stagione del Milan: “Andrò controcorrente, per me è stata un’annata positiva. Sono arrivati in finale di Coppa Italia, sono usciti in Europa League contro l’Arsenal, hanno ottenuto comunque un piazzamento in Europa per l’anno prossimo, se ci fosse stato Gattuso da inizio campionato il Milan era li a combattere con Lazio e Inter fino alla fine.

Non ci dimentichiamo che quando inizi un’annata in cui c’è tutto da ricostruire, è sempre più difficile. Sono convinto che il Milan dando continuità ai giocatori che ha preso e mettendo dentro qualche elemento giusto, possa arrivare tranquillamente tra le prime quattro”.

Su Biraghi al Milan: “Mirabelli lo conosce benissimo perché lo ha avuto all’Inter. Gattuso da quello che so lo stima molto. Vediamo cosa succederà. Se me lo dovessero chiedere mi comporterei come ho fatto con Conti, cercherei di portare Biraghi al Milan perché sarebbe il sogno per la carriera di un giocatore. Però ad ora non c’è ancora nulla di concreto”.

CONDIVIDI
Due cose ha in comune con Buffon: la data di nascita e la passione per il calcio. Da sempre tifoso del Milan, è un amante del calcio anni '60: a volte intervista Di Stefano e Pelé, poi si sveglia.