Sampdoria, Ferrero: “La Samp se la gioca sempre, Champions? ci vorrebbe la quinta squadra”

Ferrero

Ha parlato Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ai microfoni di Radio Radio, riguardo al finale di stagione dei blucerchiati e non solo.

Sulla Samp –La Sampdoria se la gioca con tutte, chi pensa che la Samp non si impegna sbaglia. Ieri Ramirez ha avuto una occasione e non l’ha buttata dentro. Ma noi andiamo per vincere. Non abbiamo fortuna ma ce la giochiamo con tutti. La Juventus fattura 400 milioni, la Samp 40: di cosa parliamo? Io Douglas Costa non posso comprarlo, non mi posso permettere di pagare uno stipendio di 3 milioni. Io ieri ero sicuro di non perdere, se fossimo andati nello spogliatoio sullo zero a zero sarebbe cambiato tutto. o avevo un monte ingaggi di 20 milioni, ora è di 40, ma non c’è partita con la Juventus.  Se ad un ragazzo di 18 anni diamo tre milioni l’anno non avremo futuro. Il calcio è episodico ci vuole fortuna, se non hai fortuna non vai da nessuna parte“.

Sulla Roma –La scalata alla Roma ? mai dire mai. Io amo i tifosi della Roma. Su Shick mi chiederanno scusa“.

Sul calcio moderno –Nel calcio non ci sono più persone come Moratti che hanno messo nel calcio soldi propri, il calcio è cambiato. Il calcio deve fare fatturato, bisogna investire, fare stadi. Oggi come fai errori li paghi“.

Sul Napoli – “Il Napoli può puntare solo allo scontro diretto perchè hanno entrambe partite facile. Lo scudetto si gioca sullo scontro diretto. La Juve con l’Inter può perdere“.

Sulla corsa alla Champions – “In Champions? ci vorrebbe un’altra squadra. Con 5 squadre in Champions il campionato sarebbe più bello“.

Su Torreira – “Torreira me lo hanno chiesto tutti, ma non ne parlate troppo altrimenti si monta la testa“.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il destino mi ha concesso di innamorarmi del calcio, e quindi del Genoa. Grande appassionato di sport in generale, studio Giurisprudenza all'università di Genova e provo a raccontare il calcio, una parola alla volta, un'emozione dopo l'altra.