90esimo – Rizzoli: “Primo anno di VAR utile per l’esperienza. La prossima stagione vedremo importanti miglioramenti”

Rizzoli

Ultimo giorno dell’evento Football Legend a Napoli. Dopo le dichiarazioni rilasciate ieri, torna a parlare Nicola Rizzoli, ex arbitro e responsabile del progetto VAR in Italia. Di seguito le sue parole.

Bilancio sul VAR –Il bilancio è buono, è molto positivo. Sono contento degli ampi margini di miglioramento che ci sono nell’uso e nello sviluppo di questa tecnologia. Bisogna sempre considerare che siamo partiti da zero, quindi era necessario fare esperienza. La scorsa estate è stato fatto un grande lavoro per partire il più preparati possibile. Con l’esperienza fatta sono convinto che dalla prossima stagione le cose andranno molto meglio“.

Sulle parole di De Laurentiis secondo cui “Gli arbitri dovrebbero avere meno peso politico” –Questo appunto è un problema politico. Io sono un tecnico, il mio ruolo è quello di allenare giovani arbitri e mandarli in campo nelle condizioni migliori possibili“.

In cosa si deve migliorare sul VAR –Sicuramente ci sono delle uniformità di interpretazione e di intervento, bisogna definire bene quali sono le situazioni chiave in cui il VAR deve intervenire e quelle in cui non spetta al VAR decidere. Questo sistema serve per eliminare gli errori più grossi, quelli che sono chiari a tutti. E da qui dobbiamo ripartire per avere molta più uniformità nella prossima stagione“.

Sulle possibili novità nell’utilizzo del VAR –Ovviamente non sarà lo stesso, perché partiamo con un anno di esperienza. Abbiamo fatto delle considerazioni per provare a cambiare il protocollo, però questo viene cambiato dall’IFAB e della FIFA, non da noi. Quindi aspetteremo le loro considerazioni rispetto alle nostre domande“.

Sull’ipotesi di chiamata del VAR da parte degli allenatori –Esatto, è un qualcosa che abbiamo ipotizzato. Però va detto anche che se diamo agli allenatori una, due o tre possibilità di richiedere il VAR, alla fine sono superflue, perché tutte le situazioni da protocollo sono verificate. L’anno scorso sono state vagliate quasi 3.000 situazioni di gioco con il silent check. Questo vuol dire che è una situazione che è già stata controllata, indipendentemente che l’allenatore lo chiami o meno“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008