90esimo #LuganoLuzern 1-0, senza grandi patemi d’animo, i Bianconeri ‘scavalcano la riga’

Vera e propria contesa da 6 punti quella andata in scena questo pomeriggio a Cornaredo: la perdente della sfida tra Lugano e Lucerna sarebbe andata ad occupare l’ultima posizione, sinonimo di relegazione. I Bianconeri, sulla scia delle vittorie nelle coppe (Europa League e Coppa Svizzera) e del pareggio in inferiorità numerica dal 38′ a Sion, erano chiamati a tornare a vincere davanti al proprio pubblico per macinare punti pesanti per il campionato.

Il primo tempo (come del resto il secondo) è stato piuttosto avaro di emozioni. I primi sussulti, al pari delle disgrazie, son come le ciliegie: al 6′, sugli sviluppi di un corner battuto da Ledesma, si registrano il doppio tentativo di Golemic e il successivo (deviato) di Mariani; Omlin è attento e reattivo e non si fa sorprendere. Il Lucerna soffre sotto i colpi del Lugano, a tal punto da non riuscire nemmeno a tessere interessanti trame di gioco. È il 24′ quando Ledesma torna a calciare dalla bandierina e, in questa occasione, il gol arriva: Alexander Gerndt salta più in alto di tutti e di testa trova quello che sarà l’unico gol di questa partita. I primi 46 minuti si chiudono senza particolari emozioni.

Nella seconda frazione Babbel prova a risvegliare i suoi operando un doppio cambio. L’inerzia della partita, tuttavia, non cambia: il Lugano è abile a rendersi pericoloso soprattutto su palle ferme e riesce a neutralizzare i pochi, pochissimi spunti offerti da un grigio Lucerna. Al 68′ Junior si invola verso Omlin, ma viene bruscamente e fallosamente fermato da Lucas, graziato dall’arbitro con solo un cartellino giallo. Un minuto più tardi gli uomini di Tami si rendono nuovamente pericolosi: Bottani (da poco subentrato) al termine di una discesa indirizza un cross in area sul quale prova ad intervenire Junior con una semi-rovesciata che cambia solamente di poco la traiettoria del pallone che termina sotto la sfera di influenza di Mariani, il cui tiro viene tuttavia bloccato da Omlin. All’83’ Mariani, dopo una bella serie di passaggi con il subentrato e ispirato Vecsei, serve Bottani che, lasciato solo a destra, indirizza una potente conclusione sul primo palo, disinnescata dall’estremo difensore ospite. Prima della fine, Vecsei prova a tornare sul referto arbitrale (dopo il gol contro lo Schötz), ma la sua velenosa conclusione deviata viene bloccata in presa bassa da Omlin.

Alla luce di quanto visto in campo, il Lugano non meritava l’ultima posizione e, soprattutto, il Lucerna non meritava di non esserci: gli uomini di Babbel oltre a non essersi mai resi veramente pericolosi, non sono nemmeno riusciti ad arginare con efficacia gli spunti dei Ticinesi e sono rimasti in piedi grazie ad un provvidenziale Omlin.

FC Lugano (4-3-3): Da Costa 6; Mihajlovic 6, Golemic 6, Sulmoni 6, Daprelà 6; Ledesma 7, Sabbatini 6, Mariani 6.5; Crnigoj 6 (26′ Yao 6), Gerndt 7.5 (64′ Bottani 6.5), Junior 6.5 (79′ Vecsei s.v.). All.: Tami. A disp.: Kiassumbua; Amuzie; Milosavljevic; Marzouk.

FC Luzern (4-2-3-1): Omlin 7; Ziegler 4.5, Schultz 5, Lucas 5 (72′ Kutesa 5.5), Grether 4.5; Kryeziu 4.5 (46′ Juric 5), Custodio 5.5; Rodriguez 5.5 (46′ Vargas 5.5), Ugrinic 6, Schneuwly 5.5; Demhasaj 5.5. All.: Babbel. A disp.: Zibung, Knezevic, Jong, Sidler.

ARBITRO: Signor Amhof.

MARCATORI: Gerndt (Lugano) al 24′.

AMMONITI: Ziegler (Lucerna) al 53′, Lucas (Lucerna) al 69′; Daprelà (Lugano) al 78′.

ESPULSI:

NOTE: 1 minuto di recupero a fine primo tempo, 4 minuti a fine secondo tempo. 4’180 spettatori.

TOP NOVANTESIMO: Gerndt 7.5 – Oltre al suo solito ‘lavoro sporco’, torna a segnare e le sue marcature sono sempre molto pesanti: complice il portiere avversario, quella dello Svedese è l’unica rete dell’incontro, quella che consegna al Lugano tre punti che consentono alla squadra del Presidente Renzetti di scavalcare gli svizzero-centrali e di issarsi al nono posto.

FLOP NOVANTESIMO: Grether 4.5 – Nella grigia prestazione lucernese, non è sicuramente lui a portare un po’ di luce. Non resiste alle offensive avversarie ed è impreciso in costruzione.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Luganese, alle prese con gli studi di Diritto a Neuchâtel, nel proprio tempo libero unisce volentieri i suoi interessi per la scrittura e per il calcio, occupandosi della squadra della sua città.