90esimo #LuganoLucerna 1-4, Bianconeri fermati dai pali e dai propri errori

CornaredoLugano campoallagato

Nel 14esimo turno di questa edizione di Raiffeisen Super League il Lugano ha accolto il Lucerna. Teatro dell’incontro, giocato in una cornice atmosferica uggiosa e piovosa, è stato lo Stadio comunale di Cornaredo. A dividere le due compagini, alla vigilia della sfida odierna, vi era un solo punto. 

Fin dalle prime battute il Lugano ha imbastito delle interessanti trame di gioco e ha portato diversi uomini in area in occasione dei cross provenienti dai lati del campo. Il primo tentativo è tuttavia stato lucernese, ma la conclusione di Juric non ha sortito gli effetti sperati. All’8′ Bottani, palla al piede, ha dato vita ad una grande ripartenza prima di servire Junior, il cui tiro ad incrociare è terminato di poco a lato. Il Lucerna, compagine solida e dotata di un’importante forza fisica, ha sofferto spesso in occasione dei filtranti avversari. Nella prima fase gli ospiti hanno cercato la via del gol solo dalla medio-lunga distanza o su palla ferma: un esempio è quello di Schürpf che, al 34′, ha sovrastato Maric ma la sua debole conclusione di testa è stata parata a terra sulla riga di porta da Da Costa. Contro l’andamento dell’incontro, al 37′ il Lucerna è passato in vantaggio con Vargas che, ricevuta palla da C. Schneuwly, ha beneficiato dello spazio concessogli da Masciangelo e ha trafitto l’estremo difensore luganese per il provvisorio 0-1. A seguito di questa realizzazione i padroni di casa non si sono persi d’animo: sono andati a cercare il pareggio immediato, ma il colpo di testa di Sabbatini è stato velleitario. Va inoltre segnalato che, con il passare dei minuti, il campo è diventato sempre più pesante, fino ad arrivare a fermare il moto del pallone. 

La seconda frazione si è aperta sùbito con una doccia fredda per i luganesi: al 47′ Da Costa non ha trattenuto un tiro di Schürpf e l’ha lasciato a pochi passi da sé, ma C. Schneuwly ci si è avventato per primo e ha segnato. Gli uomini di Celestini hanno cercato di accorciare le distanze, ma un tiro di Junior al 49′ si è sonoramente infranto sul palo. I bianconeri, un minuto più tardi, hanno reclamato un calcio di rigore (non concesso) per una presunta trattenuta avversaria. Al 60′ il Lugano ha trovato un altro montante: Bottani, perso il momento buono per calciare, ha servito l’inserimento di Sabbatini, il cui tiro si è infranto sul palo. L’orologio non ha fatto in tempo a compiere un giro completo ed ecco che il Lucerna ha trovato, ancora una volta ‘dal nulla’, un’altra marcatura: Eleke, arrivato sul fondo, ha servito l’inserimento di Vargas che ha depositato in rete, essendo sfuggito alla marcatura di Masciangelo e non essendo stato contrastato da Sulmoni 
Al 71′ Masciangelo, dalla distanza e direttamente su punizione, ha provato a sorprendere Zibung, che ha smanacciato in corner. Al 72′ il Lugano ha trovato il gol del provvisiorio 1-3: sugli sviluppi di un’azione Voca, disturbato da Maric, ha permesso a Junior di calciare e di trovare il gol da posizione centrale al limite dell’area. A privare i padroni di casa delle residue speranze ci ha tuttavia pensato, al 75′, Eleke: sugli sviluppi di un’azione convulsa, sfruttando il poco spazio a disposizione, ha battuto Da Costa sul primo palo. All’80’ un doppio tentativo di Gerndt è rimasto infruttuoso e, ad impedire al Lugano di arrotondare il risultato, ci ha pensato ancora una volta il palo: al 92′ Janko si è visto negare la gioia dal montante. 

Il risultato finale non rispecchia fedelmente i valori visti in campo: il Lugano non è stato affatto schiacciato dal Lucerna, bensì ha pagato a caro prezzo ogni errore e ogni disattenzione. 

FC Lugano (4-1-3-2): Da Costa 4; Mihajlovic 5, Maric 5, Sulmoni 5, Masciangelo 4.5; Piccinocchi 5; Vecsei 5 (54′ Covilo 5.5), Sabbatini 6, Brlek 5.5 (67′ Janko 5.5); Bottani 6.5 (76′ Gerndt s.v.), Junior 7. A disp.: Baumann; Fazliu, Crnigoj, Macek. All.: Celestini.

FC Luzern (4-1-4-1): Zibung 6; Vargas 7.5 (67′ Ugrinic 6), Lucas 6, Knezevic 6, C. Schwegler 6; Voca 5; Grether 6, C. Schneuwly 7 (78′ Cirkovic s.v.), Schulz 6, Schürpf 6.5; Juric 5.5 (54′ Eleke 7). A disp.: Jacot; Kakabadze, Custodio, Demhasaj. All.: Weiler.

ARBITRO: Sig. Schnyder (Kurnazca, Sangiovanni, Ovcharov)

MARCATORI: Vargas (LUZ) al 34′ e al 61′, C. Schneuwly (LUZ) al 47′; Junior (LUG) al 71′; Eleke (LUZ) al 75′

AMMONITI: Vargas (LUZ) al 22′; Bottani (LUG) al 53′, Piccinocchi (LUG) al 58′; C. Schwegler (LUZ) al 71′, Zibung (LUZ) al 72′

ESPULSI: –

NOTE: Recupero: 2′, 3′; 2’350 spettatori.

TOP NOVANTESIMO: Vargas 7.5 – Una doppietta e una gara fatta di incessante spinta. 

FLOP NOVANTESIMO: Da Costa 4 – Non aiutato dai difensori, è coinvolto (con colpe di varia gravità) in ogni rete avversaria. 

CONDIVIDI
Luganese, alle prese con gli studi di Diritto a Neuchâtel, nel proprio tempo libero unisce volentieri i suoi interessi per la scrittura e per il calcio, occupandosi della squadra della sua città.