90esimo – Milan, bilancio mercato: la conferenza ufficiale di Leonardo e Maldini

Maldini

Direttamente casa Milan noi di Novantesimo.com siamo presenti per ascoltare la conferenza di Leonardo e Paolo Maldini, i due dirigenti hanno fatto un bilancio sul calciomercato appena concluso. Le loro parole qui di seguito.

Maldini: “Credo che sia importante far sentire i nuovi giocatori a casa. E questo la società sta facendo. Il nostro allenatore vuole gente di qualità. Oggi ho visto un allenamento. I nuovi parlano la stessa lingua calcistica di quelli che sono qua”.

Leonardo: “Abbiamo lavorato tanto anche di notte. Io sono felicissimo. L’obiettivo di oggi era arrivare con una squadra a livello di numero ed organico fosse bilanciata. La squadra ha fatto un campionato in crescendo. Con questi innesti la squadra è diventata ancora migliore. Puoi comprare qualsiasi giocatore, ma se non hai delle linee guida, diventa difficile fare una squadra. Per riuscire a far qualcosa di importante questa cosa bisogna capirla e rispettarla. Si deve ricreare, stabilire e migliorare il rapporto tra tutti i componenti della società”.

Maldini: “Per me ci sono tante cose nuove, soprattutto la parte di ufficio. E’ stato bello andare a Madrid con la squadra e parlare con vecchi amici che ho affrontato da giocare”.

Leonardo: “Non c’è mai stata una trattativa con la Lazio per Sergej Milinkovic Savic. Ho parlato con il suo agente perchè lo conosco da tanti anni. Tuttavia non è mai partita una trattativa. Anche perchè non è fattibile ad oggi. Ha un costo altissimo, non rientra nei nostri costi e in quelli imposti dai paletti della UEFA. Le nostre operazioni sono quasi tutte congiunte con un’uscita. Vedi Bacca – Castillejo, Bonucci – Caldara, Locatelli – Bakayoko. Era importante questo movimento affinché si realizzasse il nostro obiettivo. Anche l’arrivo di Laxalt è stato legato alla cessione di Lapadula”.

Leonardo: “Il centrocampista che doveva essere inserito è stato inserito. Questo era Bakayoko, poi toccherà a Rino decidere il tutto. Tanti possono cambiare ruolo: vedi Hakan o Bonaventura. O ancora Borini: lui può giocare in tutti i ruoli”.

Leonardo: “L’obiettivo della prossima stagione? Farei rispondere a Paolo”.

Maldini: “E’ quello di migliorare la posizione dell’anno scorso, che era il sesto posto. La miglioreremo di uno due posti. La Champions fa differenza. Credo che noi abbiamo le possibilità per farlo. Tra Rino e la squadra c’è una coesione particolare”.

Leonardo: “La nostra forza è l’ammirazione e la coesione reciproca. Stiamo lavorando insieme, creando una situazione dove in tutti in momenti non siamo separati. Che sia con i genitori di un ragazzo della primavera o un acquisto qualsiasi”.

Leonardo: “Secondo me la corsa scudetto non è scontata. Mantenere il livello della Juventus non è facile. Prima o poi i cicli finiscono. Penso che l’Inter si sia rinforzata ed è in crescita. La Roma può mantenere i livelli di prima. Il Napoli è cambiato. La Lazio ha fatto bene ed ha mantenuto più o meno un gruppo. Noi siamo competitivi. Se guardo il nostro organico, abbiamo qualcosa da sistemare, ma non vedo una differenza così importante. La Serie A sta tornando ad avere un suo appeal, anche se siamo il quarto campionato in Europa”.

Leonardo: “A Gattuso l’idea Bakayoko è piaciuto molto. Pensava molto ad un centrocampista con le sue caratterische. Inizialmente non era fattibile e poi è diventat possibile”.

Maldini: “Non è ancora deciso quando giocheremo col Genoa e ci adegueremo alle conseguenze. Esordire contro Ancelotti sarà molto particolare. Ai suoi livelli per forza devi vederlo in ambienti diversi”.

Maldini: “A me incuriosisce molto Castillejo per la sua personalità e per il suo tipo di gioco. Potrà essere una gran sorpresa”.

Maldini: “La sensazione è che i giocatori sentano il piacere di vestire questo maglia. Il Milan è tra le squadra che hanno scritto la storia del calcio. Sta a Rino e ai giocatori ricreare quell’ambiente. Adesso c’è da ricreare tutto”.

Maldini: “Il mercato mi sembra che sia logico che debba chiudere prima che inizi il campionato, la regola è giusta”.

Leonardo: “Sono d’accordo con Paolo. Abbinare uscite ed entrate con le date del mercato può creare degli squilibri quando si devono prendere certe decisioni. Avendo mercati aperti in altri paese può essere che esista qualche volontà. Ad oggi però niente di definito”.

Maldini: “Un altro Maldini? A me i paragoni non sono mai piaciuti. Ognuno ha la propria storia e le proprie caratterische, oltre che il proprio percorso”.

Leonardo: “L’arrivo di Higuain è stata una cosa molto importante. E’ un giocatore di livello internazionale, che ha il record di goal segnati in campionati. E’ stato un arrivo di peso. E’ arrivato all’inizio e secondo me è stato un momento molto importante per noi”.

Leonardo: “Con Raiola ho ottimi rapporti. Siamo felici di come siamo stati riabbracciati come Milan da tutti gli altri”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2017, tifoso del Milan dal 1996. Nato a Catania, studia giurisprudenza e ama scrivere di calcio ed attualità. Ha pubblicato un libro dal titolo "CircoStanze" con la casa editrice "Prova d'Autore".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008