90esimo – Capello: “La mia forza è stata mia moglie”

capello

Noi di Novantesimo.com siamo presenti questo pomeriggio all’assegnazione del Football Leader, premio conferito dall’Assoallenatori che riconosce e celebra il valore della leadeship nel mondo del calcio.

All’evento era presente l’ex allenatore di Milan, Juventus e Roma, Fabio Capello. Queste le sue dichiarazioni: “Non ho più voglia di allenare. Cosa è stato il calcio nella mia vita? Da piccolo era l’unico sport della mia vita. Poi è stato football e studio, fino alla SPAL.

È sempre stata una parta fondamentale, è stato sacrificio. Mi ruppi il ginocchio, carriera finita. Ma volevo continuare a giocare, non andavo in vacanza. La mia forza è stata mia moglie, stiamo insieme da quasi 50 anni.

Poi ho avuto la fortuna di essere al posto giusto nel momento giusto: al Milan con Berlusconi, con grandi collaboratori come Braida e Galliani. Poi la voglia di mettersi in gioco. L’ultima follia è stata la Cina, voler salvare una squadra che stava retrocedendo e ci siamo riusciti.

L’anno dopo poi ero troppo lontano. Fu Berlusconi a darmi la squadra, poi mi disse che dovevo fare corsi da manager e imparare le lingue. I corsi mi servirono molto. Quando Berlusconi mi richiamo e mi disse se volevo tornare, dissi di esser pronto”.

CONDIVIDI
"La maniera di andare a caccia è di poter cacciare tutta la vita, fino a che c’è questo o quell’animale [...] e quella di scrivere è sin che tu riesci a vivere e vi siano lapis e penna e carta e inchiostro o qualsiasi altro strumento per farlo, e qualcosa di cui ti importi scrivere, e tu senta che sarebbe stupido, che è stupido fare in qualsiasi altro modo" - Ernest Hemingway, Verdi colline d'Africa, 1935.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008