Ci si stava avvicinando all’autunno in quella notte portoghese del 6 ottobre 2002, quando un giovanotto di Funchal, tale Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro, si presentò al mondo del calcio segnando la prima rete da professionista.

Poco più di diciotto anni dopo da quel Sporting Lisbona – Moreirense, Cristiano Ronaldo ha segnato il goal numero 760 della sua carriera, mettendo la firma all’ennesimo trofeo vinto nella sua storia.

Basandosi sui goal riconosciuti dalla FIFA, Cristiano è diventato il miglior marcatore della storia del calcio, avendo battuto il record 66enne di Josef Bican, autore di 759 reti.

Un numero che si commenta da solo, una vetta che per anni sembrava letteralmente impossibile da raggiungere per qualsiasi essere umano.

Per raggiungere certe cifre non serve solo il talento, necessita anche una grande intelligenza e consapevolezza. «La mente al servizio del corpo» è un mantra che ha svoltato la carriera di tanti grandissimi dello sport, compreso Cristiano.

Il progressivo passaggio da esterno tutto skills e velocità a un vero e proprio attaccante rapace l’ha reso un goleador come pochi se ne sono visti.

Gli anni madridisti di Cristiano hanno contribuito maggiormente a questo record, con 450 reti segnate con la camiseta del Real Madrid, a cui si aggiungono i 118 con il Manchester United, 102 con il Portogallo, 5 con lo Sporting Lisbona e 85 con la Juventus.

Adesso, con il primato in mano e ancora qualche anno di carriera davanti, l’attaccante della Juventus potrà rendere questo record ancora più irraggiungibile e magari sognare di avvicinarsi a quella divina quota 1000.

A pochi giorni dal suo 36esimo compleanno, Cristiano mette la firma su uno dei record più importanti, forse il più importante per un attaccante.

Almeno fin quando un giorno qualcuno, chissà, riuscirà a spodestarlo. D’altra parte «I record sono fatti per essere battuti».

Ennesima consacrazione nell’Olimpo del gioco per uno dei più grandi di sempre.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008