Domani sera Derby di Coppa Italia all’Allianz Stadium tra Juventus Torino. Di questa gara, e di diversi argomenti, ha parlato Massimiliano Allegri in conferenza stampa.

Ecco le sue parole, riportate da tuttomercatoweb.com: “La Coppa Italia è un obiettivo come il campionato e la Champions League. Ci sarà qualche cambiamento ma non sottovalutiamo la partita, che è un derby”.

Assenti contro il Toro: “Non ci saranno Buffon, Cuadrado e De Sciglio, ma sono tutti sulla via del rientro”.

Su Dybala: “Paulo sarà della partita, o come centravanti o in coppia con Mandzukic o Higuain”.

Sul Var: “Il Var sta migliorando, ci sono state difficoltà all’inizio, ma è uno strumento nuovo. Si arriverà all’equilibrio giusto per valutare bene gli episodi”.

Su Marchisio: “Può giocare dall’inizio. Valuterò chi sarà a centrocampo con lui. Una cosa è certa: non possiamo permetterci di sbagliare, domani e nelle prossime gare, quindi non dovremo giocare come a Verona”.

Sulle parole di stima di Buffon: “Mi diverto a fare l’allenatore ma non vivo di calcio 24 ore su 24. Ringrazio Buffon per le sue belle parole, mi ritengo fortunato, ho allenato finora grandi campioni e grandi uomini”.

Ancora sulla formazione di domani: “Valuterò se domani giocherà terzino Lichtsteiner o Sturaro”.

Sugli italiani della Juve: “Abbiamo tanti italiani in rosa, poi per decidere chi gioca si valuta il momento. L’importante è che con tutti, italiani e stranieri, siamo coscienti dei nostri obiettivi: ora gli obiettivi sono qualificazione domani e tre punti sabato”.

Sulla rosa della Juve: “La rosa della Juventus, pur avendo cambiato molto in questi anni, è sempre di grande livello. Merito della società”.

Sui calendari della Juventus: “I calendari per noi non sono un problema: giochiamo quando dobbiamo giocare. Al Bentegodi faceva freddo, ma il campo era perfetto, complimenti alle due società di Verona”.

Su Szczesny: “Ogni tanto appoggiamo troppo indietro al portiere, bisogna farlo solo quando c’è necessità. Szczesny è l’erede di Buffon, l’ho già detto. La società ha fatto un gran colpo con lui, e poi i due si stimano come giocatori e come uomini, questo è molto importante”.

Sul derby: “Match difficile domani, da giocare bene sotto l’aspetto mentale e fisico, il Torino avrà voglia di rivalsa”.

Sul mercato: “E’ stato chiaro il direttore Marotta, esce Marko Pjaca perché deve giocare con continuità, per rientrare il prossimo anno nelle migliori condizioni. Ho detto alla società che a livello di rosa sto bene così. Siamo competitivi come qualità. L’importante è non abbassare la tensione”.

Ancora sulla formazione di domani: “Sono felice di come sta crescendo Bernardeschi sotto il profilo tattico, tecnico e mentale, sarà importante nel futuro della Juventus. Ve ne dico una per chiudere: potrebbe giocare Rugani”.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio: milanista.