Nella sfida di domenica contro il Crotone, Zlatan Ibrahimovic ha raggiunto l’enorme traguardo di 500 gol segnati con le maglie dei club. Aveva raggiunto già le 500 marcature in carriera quando giocava in MLS, ma questo “secondo” cinquecentesimo gol ha forse un sapore migliore.
501 reti con le maglie dei tanti club per cui ha giocato, andando per ordine:
– 18 gol con il Malmo;
– 48 gol con l’Ajax;
– 26 gol con la Juventus;
– 66 gol con l’Inter;
– 22 gol con il Barcellona;
– 83 gol con il Milan;
– 156 gol con il PSG;
– 29 gol con il Manchester United;
– 53 gol con i Los Angeles Galaxy.

Un club, quello dei 500, a cui sono iscritti in pochi: basti pensare che dei calciatori dell’epoca recente solo Cristiano Ronaldo e Leo Messi sono presenti in classifica, si è aggiunto lo svedese e molto probabilmente si aggiungerà Robert Lewandowski (attualmente a quota 465).

Tanti gol quelli di Zlatan Ibrahimovic, dai più comuni ai più impossibili. Dai semplici tap-in, ai colpi di taekwondo. Proviamo a rivivere, squadra per squadra, quello che è stato il suo gol più bello. Inutile dirvi che le scelte sono soggettive, anche perché la scelta è tanta. Partiamo.

Malmo – AIK

E’ il 1999 quando il Malmo fa debuttare Zlatan Ibrahimovic, ed è il 2001 quando probabilmente segna il suo gol più bello con quella maglia, all’età di 20 anni. Palla in profondità, controllo di tacco di destro e sinistro a battere il portiere.

Ajax – NAC Breda

Per il gol più bello di Ibra con la maglia dell’Ajax penso che saremo tutti d’accordo. E’ il 2004 quando lo svedese segna uno dei suoi gol più belli. Salta letteralmente tutta la difesa avversaria, facendosi anche rimbalzare qualche giocatore addosso. L’ultima finta è per spiazzare portiere e ultimo difensore. Un misto di fisicità, tecnica e talento.

Roma – Juventus

Ed eccoci finalmente in Italia. E’ la stagione 2005/06, va in scena Roma – Juventus. Anche qui, Zlatan ci mostra alcuni pezzi del repertorio. Controllo di tacco a metà campo, palla che si impenna, scatto fulmineo e destro ad anticipare il movimento del portiere. Poco da dire qui: una bestia.

Inter – Bologna

Ed è qui che probabilmente potremmo iniziare a non essere d’accordo con le scelte. Con la maglia dell’Inter, Ibra segna molti dei suoi gol più belli. Scegliamo il gol di tacco al volo contro il Bologna, perché è immagine di ciò che è Zlatan Ibrahimovic. Cross di Adriano sul primo palo dalla sinistra, lo svedese fa un movimento così difficile in così poco tempo che ancora non ci spieghiamo come abbia fatto.

Barcellona – Real Madrid

L’esperienza di Ibra al Barcellona non è stata sicuramente indimenticabile. Lo svedese però è comunque riuscito a decidere un Clasico, segnando al Real un gol al volo di sinistro, tirando praticamente un sasso nella porta dei Galacticos. Scegliamo questo gol anche per l’importanza.

Lecce – Milan

Dopo l’esperienza Blaugrana, il ritorno in Italia con il Milan. Analizziamo solo la prima esperienza rossonera dello svedese, avremo un capitolo dedicato anche all’Ibra II.
L’anno dello Scudetto, contro il Lecce Ibra segna quello che sarà uno dei gol iconici di quella stagione. Controllo di petto su lancio lungo e sinistro morbido sul palo opposto.

Anderlecht – Paris Saint-Germain

Con la maglia del PSG di gol strepitosi Ibra ne ha segnati molti, forse troppi per racchiudere tutto in un’unica rete. Scegliamo, però, una tipologia che ancora dobbiamo inserire in questa classifica; gol fisici li abbiamo messi, gol con mosse di taekwondo anche. Passiamo allora alla pura forza. Il palcoscenico è la Champions League, l’avversario l’Anderlecht. Era il 2013, in quella partita Zlatan ne fece 4: il terzo è sicuramente il più bello. Un missile terra-aria partito dal destro dello svedese si insacca nell’angolo alto.

Everton – Manchester United

Non un’esperienza fortunata quella di Ibra con la maglia dei Red Devils, ma qualche gol da ricordare c’è. Per noi il primo posto in classifica ce l’ha quello contro l’Everton, altro marchio di fabbrica fatto vedere più volte in carriera: pallonetto ad anticipare il portiere in uscita. In questo caso un po’ fortunato forse con i legni, ma glielo concediamo.

Toronto – Los Angeles Galaxy

Ed eccoci sbarcati in America. Qui di gol incredibili Ibra ne ha segnati eccome. C’è l’imbarazzo della scelta, per questo scegliamo anche in base all’importanza. E’ il “primo” gol numero 500, calcolando in quel caso anche i gol segnati con la Nazionale. Anche qui, un gol alla Ibra. Girata pazzesca, più la vediamo e più siamo confusi.

Udinese – Milan

Ibra torna al Milan dopo l’esperienza americana, per far vedere che 38 anni può ancora giocare ad alti livelli. Ce lo ha dimostrato in questi mesi, e decidiamo di chiudere con quello che probabilmente è il gol più bello della seconda esperienza di Zlatan nella Milano rossonera. In rovesciata, negli ultimi minuti, sul punteggio di parità. Decisivo.

Svezia – Inghilterra

Piccola menzione d’onore, perché in questa classifica non c’entra niente: nei 500 gol raggiunti da Ibra contro il Crotone, non vengono considerati anche quelli in Nazionale (come detto, quel traguardo lì è stato raggiunto in MLS). Quando si parla di gol belli di Ibrahimovic, però, non si può non pensare alla rete in rovesciata contro l’Inghilterra.
Quindi ve lo lasciamo qui, fuori classifica, giusto per godervelo di nuovo.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista. Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008