Intervistato da Radio 24 ha parlato il CT della Nazionale Italiana Giampiero Ventura, che si è soprattutto soffermato sui tanti giovani convocati nei vari stage effettuati durante l’anno. Ecco le sue parole: “Se riusciremo ad andare al Mondiale, con un mese per prepararci potremo ritagliarci uno spazio da protagonisti. In Francia avevamo la Nazionale piu’ vecchia degli ultimi 30 anni. Era necessario un cambiamento, c’era la qualificazione ai Mondiali, c’era il futuro di questa Italia. Sono orgoglioso dell’attualita’ piu’ che del futuro, perche’ il futuro deve ancora arrivare. Sono certo che il ricambio generazionale cambiera’ la storia della Nazionale”. 

Ventura prosegue: “Devo ringraziare i club che mi hanno disponibilita’ di puntare sui giovani e noi alle parole abbiamo fatto seguire i fatti visti i tanti under 23 che abbiamo fatto esordire. Quando ho convocato Gagliardini la prima volta aveva fatto 8 partite in Serie A e qualcuno diceva che avevo bevuto. Se non avessi avuto il coraggio di schierare quei giovani, forse poi loro non avrebbero fatto un campionato del genere…”. 

Sugli stage: “I giocatori che vengono allo stage arrivano con entusiasmo e voglia, capiscono cosa vuol dire l’aria della Nazionale. Spinazzola e’ l’esempio di quello che stiamo creando, con l’Olanda e’ entrato con grandissima personalita’. Stiamo creando uno zoccolo duro, forse non per vincere questo Mondiale, ma per il prossimo”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008