Il goal di Koulibaly allo scadere allo Juventus Stadium ha lasciato dei segni concreti in serie A( con la squadra di Sarri che vola a -1 dalla Juventus), ma non solo.

La rete del difensore azzurro, avvenuta sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 90esimo minuto, ha provocato una scossa sismica in Campania. Il Centro Sismologico Euro Mediterraneo ha effettuato i dovuti controlli ed ha individuato l’epicentro proprio nella zona di Fuorigrotta.

Non è la prima volta che, durante una partita del Napoli, si percepiscono dei piccoli movimenti nella città partenopea, a testimonianza del grande amore che i tifosi azzurri hanno verso la loro squadra del cuore. Un altro episodio simile è avvenuto qualche anno fa, era una notte di Champions: a giocare, al San Paolo, c’erano gli azzurri contro il Manchester City. Fu Cavani, con il suo goal, a “generare”, questa volta, un terremoto.

Il primo a suscitare una tale reazione nei napoletani fu, come abbastanza prevedibile intuire, Diego Armando Maradona, che con i suoi goal e le sue giocate, incendiava il pubblico partenopeo. Dall’argentino a Koulibaly: cambiano le generazioni, ma la passione azzurra rimane la stessa.

CONDIVIDI