Valencia, Neto si sfoga: “Alla Juve non ero contento, non sentivo la fiducia”

neto
Condividi la notizia sui social

L’ex portiere della Juventus, attualmente al Valencia, Neto, si è sfogato ai microfoni di Fox Sports, in merito al suo inutilizzo nel periodo juventino.

Il brasiliano ha incolpato la società bianconera di avergli fatto mancare la fiducia nel biennio trascorso a Torino: Nei due anni in  bianconero non ero contento. Non ho sentito la fiducia e quello che facevo non era importante. Ho perso la voglia perché vedi che quello che fai non è importante. Alla Juve era così. E allora per questo ho deciso di andare in un posto in cui mi davano almeno la possibilità. Alla Juventus sono rimasto 2 anni ad aspettare cose che non sono successe. Non pensavo di scavalcare Buffon, ma pensavo a lavorare e fare il meglio dentro al campo e cercare di dimostrare che ero a disposizione e all’altezza di poter giocare titolare.”

L’ex Fiorentina, squadra che gli e’ rimasta nel cuore, ha voluto precisare che non ha mai avuto alcun tipo di problema col veterano della Nazionale italiana: “È un riferimento che ti parla, ti insegna e che soprattutto insegna agli altri. E questa è una cosa che ho cercato di capire e provare a mettere nella mia vita: dire ai compagni le parole giuste al momento giusto.”

La Fiorentina la porto nel cuore perché è stata la città che mi ha insegnato tutto: il modo di vivere in Europa, mi ha fatto crescere e mi ha dato tante cose. Chi lavora alla Fiorentina è un professionista e tutti mi hanno dato tanto. Sul mio trasferimento alla Juve posso dire che sono un professionista e il calcio è una passione però è anche un lavoro e tutti noi abbiamo degli obiettivi. Le dinamiche e le decisioni da prendere avvengono rapidamente e in modo rapido.Magari poteva andare diversamente e potevo restare a Firenze ma l’importante è avere il sentimento che resterà per tutta la mia vita. Firenze e la Fiorentina saranno sempre nel mio cuore per tutta la vita

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Studente di Ingegneria Informatica, narratore imparziale di giorno, ultras del Boca Juniors di notte, sostenitore accanito del Napoli sempre.