#UdineseNapoli, Sarri: “E’ mancata un po di qualità, ma sono contento. Juve? Ci vuole il 110%”

Sarri
Condividi la notizia sui social

Nel post partita di Udinese-Napoli, match terminato sul risultato di 0-1, il tecnico dei partenopei Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole, riportate da Tuttonapoli.net: “Secondo me non avevamo molte scorie a livello di testa, abbiamo fatto una partita di applicazione elevatissima e grande attenzione. Non abbiamo concesso niente ed abbiamo creato meno con meno qualità, abbiamo vinto in maniera diversa rispetto a quanto facciamo di solito, a livello di attenzione ed applicazione è stata una delle prestazioni migliori. Il terreno non era all’altezza della categoria, questo ci ha tolto un po’ di velocità, loro hanno fatto una partita di grande aggressività e ci hanno portato di una partita sporca, mi dispiace non aver avuto la solita qualità ma sono contento per l’applicazione.

Di Maggio ne abbiamo parlato durante la settimana, ha fatto due partite ravvicinate su ottimi livelli, per un ragazzo chiamato in causa raramente è un segnale fortissimo, vuol dire che è rimasto con la testa nel gruppo e si è allenato a massimi livello, possiamo farci affidamento in maniera totale.

Chiriches sta facendo bene, quando chiamato in causa ci ha sempre dato risposte positive, è un difensore talmente tecnico che a volte rischia qualcosa di troppo, per il resto sappiamo che le venti partita tra campionato e coppa le fa. Da agosto non ci alleniamo mai, stiamo  giocando continuamente, tante cosi non è che possiamo provarle.

E’ una considerazione che facciamo spesso nello spogliatoio, che noi abbiamo grandi qualità tecniche nei giocatori offensivi, se diventiamo una squadra applicata e solida nella fase difensiva, possiamo venire a capo anche delle partite in cui siamo meno brillanti e creiamo qualcosa di meno. Negli anni scorsi o facevamo una grande partita con vittoria, o una di livello leggermente inferiore non ci portava mai alla vittoria, penso che questa sia una presa di coscienza della squadra, sarebbe un passo avanti enorme ma solo la continuità ci dirà se lo abbiamo fatto o no.

Dal punto di vista fisico i numeri delle ultime partite sono di altissimo livello, sembra che la squadra stia molto bene fisicamente, gli aspetti più pericolosi del periodo sono il recupero delle energie mentali e nervoso, sopratutto dopo la Champions. Ricaricare per la partita successiva non è sempre facile, ma è un pericolo che non corriamo contro la Juve, una partita che a questo punto della stagione può dire pochissimo per la classifica ma a cui i nostri tifosi tengono tantissimo, e noi abbiamo l’obbligo di tirare fuori una partita al 110%”.

Guarda Anche...