Torino, Mihajlovic: “Felice che Belotti sia rimasto”

Sinisa Mihajlovic
Condividi la notizia sui social

A meno di un mese dall’inizio del campionato, Sinisa Mihajlovic, allenatore del Torino, ha parlato nella conferenza stampa di chiusura del ritiro di Bormio, trattando vari argomenti, tra i quali la situazione Belotti, Berenguer e della partita contro il Guingamp di sabato 29 luglio.

“Io sono al secondo anno qui a Bormio: è un posto eccezionale dove ci sono tutte strutture per allenarsi al meglio. Il posto è bellissimo, la gente splendida. Anche le terme dove siamo stati sono fantastiche. Voglio quindi ringraziare tutta l’organizzazione e la città di Bormio perché sono due ritiri che ci troviamo davvero bene. Sono molto soddisfatto del lavoro che stiamo facendo, dello spirito e dell’entusiasmo. Come detto anche alla presentazione in piazza il ritiro dell’anno scorso è servito per conoscerci, da adesso in poi dobbiamo invece lavorare sui particolari per correggere i difetti. Stiamo lavorando con impegno e sudore, ma anche con allegria. In questi 20 giorni ho visto tutto: impegno, voglia di far bene, applicazione, generosità. Tutti elementi che fanno promettere bene. Se riusciremo a migliorare i singoli aspetti anche la stagione non potrà che essere migliore rispetto all’anno scorso. Spero di arrabbiarmi meno di quanto fatto l’anno scorso: abbiamo imbastito i principi di gioco e i principi morali, ho fatto capire cosa significa vestire la maglia granata e non credo ci sia bisogno di ripetermi: poi, se ce ne sarà bisogno, nessun problema.
Rispetto a due anni fa tutti i calciatori sono migliorati. Quello che forse è cresciuto di più è Baselli, ma devo dire che tutti hanno fatto molto bene.

Mercato? Aspettiamo ancora qualche rinforzo ma sono sicuro che se centreremo i nostri obiettivi sul mercato, possiamo lottare sino all’ultimo per un posto in Europa. La base è molto buona: partiamo molto più avanti rispetto all’anno scorso. Belotti? Ha avuto un leggero infortunio e non verrà in Francia. Sono molto felice che sia rimasto con noi. C’è un rapporto di grande stima, fiducia e affetto. Noi tutti lavoriamo per il bene del Toro e qui non ci saranno mai musi lunghi. Al ragazzo ho parlato: è sereno e tranquillo. Berenguer? E’ tecnicamente valido, ha una bella gamba e può fare molto bene sia la fase difensiva che quella offensiva. Cosa mi aspetto dalla partita contro il Guingamp? Voglio vedere che proviamo a mettere in pratica quanto provato in queste settimane. Il risultato è secondario: ovvio che proveremo a vincere, ma quello che mi interessa maggiormente sabato è la prestazione”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Studente di Ingegneria Informatica, narratore imparziale di giorno, ultras del Boca Juniors di notte, sostenitore accanito del Napoli sempre.