#SampdoriaPescara 4-1: Delfini surclassati, Kownacki trascina i blucerchiati con una doppietta

Condividi la notizia sui social

Alle ore 21 si è disputato, allo stadio Luigi Ferraris di Genova, il match Sampdoria-Pescara, valido per i sedicesimi di finale della TIM Cup 2017-18.

La partita ha rispettato i pronostici ed ha visto la Sampdoria come squadra vittoriosa al termine dei 90 minuti di gioco. I blucerchiati si sono imposti con il risultato di 4-1, beneficiando di un ampio vantaggio che è frutto di un’ottima prestazione di squadra.

Già dai primi minuti di gioco è stato possibile capire quello che sarebbe poi stato l’andamento generale della disputa. Infatti, a passare per primi in vantaggio sono stati proprio i padroni di casa, che a soli due minuti dal fischio iniziale si portano sul risultato di 1-0 grazie al gol messo a segno da Kownacki. La rete è frutto di una grande azione iniziata con un ottimo cross sul secondo palo di Ramirez. L’uruguaiano trova Verre, pronto a servire di sponda la palla all’attaccante, che è stato poi bravo a superare Pigliacelli con una girata verso il primo palo. La partita sembra dunque avviata verso la giusta direzione per i blucerchiati, nettamente favoriti e che, dopo 7 minuti dal primo gol, riescono a trovare anche il raddoppio. La rete del 2-0 è stata firmata da Gaston Ramirez, in grado di staccare di testa su cross di Kownacki per superare l’estremo difensore dei Delfini. Su questa prima frazione di gioco non c’è molto da dire, visto che la partita è stata giocata quasi unilateralmente visto il dominio incontrastato dei liguri, capaci di trovare il tris al 31′ con Caprari. Il centrocampista, ex di turno, è stato protagonista dell’azione del 3-0 insieme a Gaston Ramirez, che lo ha lanciato verso la porta con una bella sponda. Lo stesso Caprari, al tu per tu con il portiere, realizza una conclusione imparabile che buca nuovamente Pigliacelli e porta la propria squadra sul triplo vantaggio. L’unica azione del Pescara degna di nota in questi primi 45 minuti è quella che ha portato Ganz vicinissimo al gol con una girata su cross di Zampano, ma il tentativo è stato prontamente neutralizzato da Puggioni.

Iniziata la seconda frazione di gioco, la Samp sembra ancora più pimpante di prima e lo dimostra con il neo entrato in campo Ricky Alvarez, subentrato ad uno stanco Gaston Ramirez. L’argentino è stato, infatti, protagonista di una deliziosa azione personale che lo ha visto liberarsi di alcuni avversari sulla corsia esterna per poi calciare il pallone che, purtroppo, termina di poco a lato. Nonostante questo inizio, la squadra di Giampaolo subisce il gol del 3-1, realizzato da Benali. Servito direttamente dal portiere Pigliacelli con un fantastico lancio di circa 60 metri, l’attaccante pescarese è stato in grado di agganciare la sfera e di farsi spazio nella difesa avversaria per poi calciare, rilasciando un tiro che beneficia di una leggera deviazione di Silvestre per sorprendere Puggioni e finire in rete. Da questo momento in poi, la squadra di Zeman riesce ad uscire con la testa fuori dal sacco e diventa molto più attiva e pericolosa rispetto al primo tempo. Da evidenziare, infatti, le occasioni da gol create da Ganz ed Elizalde, che però non riescono a trovare il gol del 3-2. Approfittando delle occasioni sprecate dall’altra compagine, la Sampdoria, al 74′, riesce a portarsi nuovamente sul triplo vantaggio, e dunque sul 4-1, con il secondo gol della serata di Kownacki. Il tutto parte da un pallone perso da Elizalde, che regala la sfera ad Alvarez. L’ex Inter lancia verso la porta il polacco, che calcia di potenza sul secondo palo e trova la doppietta personale. Con l’ennesimo gol segnato, gli uomini di Giampaolo stroncano tutte le speranze degli avversari, che, ad un quarto d’ora dalla fine, getta quasi del tutto la spugna e rinuncia ad attaccare, provandoci soltanto un’altra volta con Ganz. La palla, in questa circostanza, viene deviata da Puggioni con un grandissimo intervento ma rimane in campo. Sulla ribattuta arriva Benali, che però calcia alto.

Termina qui, dunque, il percorso in Coppa Italia del Pescara, che, eliminato dalla competizione, dovrà ora concentrarsi sul campionato per ottenere risultati positivi. La Samp, invece, proseguirà il suo cammino e affronterà la Fiorentina nel prossimo turno in quello che sarà un incontro valido per gli ottavi di finale.

Ecco il tabellino e le pagelle del match:

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni 7; Sala 5.5, Silvestre 6.5 (81′ Andersen S.V.), Regini 6.5, Murru 6; Verre 6.5, Capezzi 6, Praet 6; Ramirez 7 (46′ Alvarez 7); Kownacki 8, Caprari 7.5 (77′ Djuricic 6). A disposizione: Alvarez, Andersen, Barreto, Bereszynski, Djuricic, Ferrari, Ivan, Dodo, Torreira, Tozzo, Zapata. Allenatore: Marco Giampaolo

Pescara (4-3-3): Pigliacelli 5.5; Zampano 6, Campagnaro 5 (68′ Fornasier 6), Perrotta 5, Mazzotta 5 (62′ Elizalde 5); Coulibaly 6, Carraro 5 (81′ Kanoute S.V.), Brugman 6; Mancuso 5, Ganz 6.5, Benali 6.5. A disposizione: Baez, Capone, Cappelluzzo, Crescenzi, Del Sole, Elizalde, Fiorillo, Fornasier, Kanoute, Latte Lath, Pettinari, Valzania. Allenatore: Zdenek Zeman

ARBITRO: Francesco Fourneau di Roma

MARCATORI: 2′ e 74′ Kownacki, 9′ Ramirez, 31′ Caprari, 53′ Benali

AMMONITI: 40′ Perrotta, 58′ Campagnaro, 92′ Fornasier (Pescara)

ESPULSI: –

NOTE: Possesso Palla: 57% – 43%; Tiri: 11 – 15; Punizioni: 22 – 16; Angoli: 2 – 6; Fuorigioco: 6 – 1; Falli: 10 – 21; Recupero: 1 minuto primo tempo, 2 minuti secondo tempo.

TOP 90ESIMO: 
Sampdoria:
Dawid Kownacki – 8: Il polacco si è rivelato in grande forma questa sera ed è stato in grado di mettere a segno una doppietta e un assist in occasione del gol del 2-0. Molto attivo sul fronte offensivo, si muove bene tra le linee ed i suoi passaggi per i compagni sono precisi ed efficaci, permettendo spesso alla squadra di costruire cose buone.

Pescara:
Ahmed Benali – 6.5: L’attaccante pescarese è probabilmente il più attivo dei suoi ed è accompagnato dall’altrettanto buona prestazione del suo compagno di reparto, ovvero Simone Ganz, con il quale cerca di collaborare senza però sortite nessun grande effetto. 
E’ lui l’autore del gol della speranza, che viene poi stroncata ad un quarto d’ora dalla fine del match. Sempre pronto sulle ripartenze, peccato per l’errore sotto porta compiuto nei minuti finali.

FLOP 90ESIMO: 
Sampdoria: 
Jacopo Sala – 5.5: L’ex Amburgo ed Hellas Verona è stato autore di una prestazione un po’ sottotono, caratterizzata da diverse distrazioni in fase difensiva. Il terzino compie spesso errori di posizionamento, risultando sempre troppo basso, cosa che favorisce i pescaresi in occasione del gol del momentaneo 3-1 degli avversari.

Pescara:
Hugo Campagnaro – 5: Nel disastro generale di difesa e centrocampo, l’argentino, sembra essere quello che ha compiuto più errori e che, nonostante l’esperienza, non è riuscito a dare il proprio apporto alla squadra abruzzese. Sbaglia quasi sempre in fase di impostazione e non riesce a posizionarsi al meglio in campo per limitare le offensive degli avversari, contro i quali si trova spesso in difficoltà. Prestazione deludente e molto simile a quella dell’altro centrale di difesa, ovvero Marco Perrotta.

Guarda Anche...

CONDIVIDI