Roma, Di Francesco scherza: “A De Rossi ho dato uno schiaffo”

di francesco
Condividi la notizia sui social

Alla vigilia della partita contro la Spal, Eusebio Di Francesco ha cercato di analizzare il momento della sua Roma e soprattutto la forma fisica dei propri giocatori.

Naturalmente, secondo quanto riportato da Calciomercato.com, è stato oggetto di analisi anche il comportamento di Daniele De Rossi nella precedente sfida di campionato.

Come ha preparato questa sfida dopo il pari di Genova?

Non si può sbagliare, davanti vanno forte. Ora basta passi falsi. Ho grande rispetto per la Spal che anche contro il Chievo ha giocato un ottimo primo tempo. Delle neopromosse è quella che sta facendo meglio. Davanti ha giocatori importanti come Borriello.

Emerson si sente pronto. Lei come lo vede?

Non è ancora al 100%, ma è in grande crescita soprattutto nell’ultima settimana. Ha fatto 60’ con la Primavera. Non è detto che non possa essere utilizzato

Da Emerson a Schick. Il ceco può giocare dal primo minuto?

Intanto sono contento che ha trovato grande continuiutà negli allenamento. Le qualità non si discutono, vedremo se giocherà dal primo minuto. Lo deciderò oggi pomeriggio e domani parlando col ragazzo. Schick è più facile che giochi con Dzeko che senza Dzeko.

C’è un passaggio che l’ha colpito dell’intervista di Totti?

Mi è piaciuto come ha parlato dell’educazione del figlio, ma non avevi dubbi. Il voto per Tommasi e Montella lo appoggio. Scudetto al Napoli? Ha le potenzialità per vincerlo, ma spero che lo scudetto arrivi un po’ più a nord di Napoli.

Come sta vedendo Luca Pellegrini?

Il primo pensiero è che ritrovi il ritmo partita, è un po’ in ritardo su alcune cose ma è molto testardo. 

C’è qualcosa che invidia a Napoli e Juve?

L’invidia non fa parte del mio modo di vivere. Il fatto di poter allenare una squadra per tanto tempo sicuramente ti dà dei vantaggi, io lo so bene avendolo fatto col Sassuolo. Spero in un pareggio nella loro sfida. 

Come ha gestito la questione De Rossi?

Gli ho dato uno schiaffo (ride, ndr). Non è la prima volta che sbaglia, ma si è scusato in maniera forte. Come coi figli va aiutato in un momento di difficoltà. Il codice di comportamento è chiaro, e lui pagherà le conseguenze di questo regolamento da me condiviso. Ora bisogna avere maggiore attenzione negli atteggiamenti perché non possiamo permetterci certi errori. Ora mettiamo da parte, lui che è romanista ha bisogno del sostegno dei suoi tifosi.

C’è una chance per Under domani?

La avrà. Giocherà o lui o Schick dal primo minuto. E’ cresciuto tanto e per lui non era facile visto da dove arriva. Lo stesso Defrel a Genova è entrato bene e di questo sono felice.

Rivedremo Lorenzo Pellegrini dall’inizio e cosa si aspetta da lui?

Lui è un giovane e va supportato e non messo alla gogna dopo la non buona prestazione di Madrid. Sulle sue potenzialità metto le mani sul fuoco. Deve vivere con più serenità questa avventura, e io lo aiuterò in questo. 

Schick può diventare l’attaccante bravo a saltare l’uomo che chiedeva e cambierà modulo?

Non sono integralista, questo ormai lo avete capito. Ma quando qualcosa va bene cambiarlo è assurdo.  Schick ha le qualità che chiedo e sarà un valore aggiunto ora che lo abbiamo a disposizione.

Guarda Anche...