#ParmaAscoli, Lucarelli: “Voglio riportare il Parma dove merita”

lucarelli

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport il capitano del Parma ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul match e sulla nazionale:

Una giornata bellissima, il risultato è stato importante. Speravo di festeggiare il mio record con una vittoria, siamo primi anche se in maniera provvisoria. Abbiamo dimostrato che ci siamo. Siamo competitivi e ce la giochiamo insieme agli altri”.

Che effetto fa essere tornati in testa alla classifica?

Il Parma di prima era una squadra che lottava per lo scudetto. Noi siamo ripartiti dalla serie D, con fatica siamo tornati dove il Parma merita di stare. Possiamo fare una cavalcata storica, qualcosa di incredibile. La squadra è stata allestita per tentare la promozione, non abbiamo l’assillo di vincere come gli scorsi anni. Dal momento che abbiamo trovato la quadratura del cerchio possiamo giocarcela con tutti. Penso che la promozione sia l’ultimo obiettivo che mi è rimasto, sarebbe una gioia immensa“.

Quanto vuoi continuare a giocare?
Mi auguro di poter giocare in serie A, per la mia carriera sarebbe un ottimo obiettivo. Vorrei riportare il Parma dove merita, dove era quattro anni fa. Mi sentirei a posto con me stesso”.

Cosa stavi dicendo alla curva?

Li ho ringraziati per l’affetto, si è creato questo bellissimo rapporto con i miei tifosi. Penso che fosse il minimo ringraziarlo. Loro in me vedono un punto di riferimento, mi sembrava il minimo”.

Che idea si è fatto di questo momento storico del calcio italiano?

In Italia siamo bravi a parlare solo quando succedono le cose, ma in tutti gli sport e in tutti i campi. Se avessimo passato il turno ora sarebbe tornato tutto nella normalità. Ora invece ne parliamo. A volte bisognerebbe fermarsi a pensare e migliorare un sistema che fa acqua da tutte le parti. Ci sono squadre che continuano a fallire, ci si riempe la bocca ma ognuno rimane al suo posto. Qualche anno fa potevamo cambiare le cose con Albertini, invece siamo rimasti fermi. Ora non lamentiamoci”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI