#PalermoCittadella, Tedino tuona: “Non mi sembra una società in difficoltà”

tedino
Condividi la notizia sui social

In vista della sfida di domani contro il Cittadella, il tecnico del Palermo Bruno Tedino ha voluto analizzare tale sfida durante la consueta conferenza stampa di vigilia.

Tra i diversi temi analizzati, l’allenatore rosanero ha voluto far chiarezza sulla situazione societaria. Ecco le sue parole secondo quanto riportato da Stadionews24.it: “Non voglio assolutamente spostarmi dalle componenti tecniche, non parlo di vicende societarie perché non è il mio compito. Ma non è un discorso solo di pagamenti regolari o se sono stati fatti. Per fare bene il nostro lavoro abbiamo preso anche voli costosi e alberghi migliori per lavorare sempre al massimo, così come le forniture. Non è mai mancato niente e non abbiamo mai pensato ci mancasse qualcosa, anche con le attrezzature in campo – specifica il tecnico rosanero – . Mi sembra una società tutt’altro che in difficoltà, presente e fin troppo puntuale. Sono convintissimo della serietà della proprietà, della sua competenza (compreso il presidente). Ci metto la faccia. Se ho parlato con Zamparini? Ho parlato con tutti e con nessuno. Vi garantisco al 1000% di essere serenissimi. Di più non posso dire, sono sereno come uomo”

Successivamente, sulla prossima sfida: “La partita va certamente vinta, ma conosco il CIttadella ed è la quadra più pericolosa che potevamo incontrare. Hanno delle punte centrometriste e saremmo costretti a lasciare qualche spazio. Ci aspetterà una partita durissima: sul fronte della volontà daremo il massimo, dovremo essere bravi a lavorare sul piano tecnico. Loro giocano insieme da tantissimo e in un modo molto muscolare e fastidioso, che ti aggredisce molto. Servirà un Palermo stratosferico”.

Infine, sul ritorno di Aleesami: “Aleesami e Embalo stanno facendo bene. Preferirei mettere Haitam dall’inizio e farlo scaldare con la squadra: se impiegato come cambio non si scalderebbe bene e vogliamo preservarlo. Al 99% sarà in campo dall’inizio. Embalo si sta autovalutando: un giocatore duttile che può giocare in tanti ruoli e moduli ed è molto importante per noi. Aleesami ed Embalo insieme? Il KGB ha quanto pare ha lavorato bene: c’è anche una seconda variante ma questa allora non ve la dico. Carlos sta facendo bene, ma ovviamente ho provato varie cose, potrebbe esserci qualche novità”.

Guarda Anche...