Nazionale, Cannavaro: “Deve cambiare il movimento culturale”

Cannavaro

Le gesta di Fabio Cannavaro al Mondiale 2006, dove da capitano portò alla vittoria la nazionale italiana, resteranno per sempre impresse nella mente di tutti gli amanti del calcio.

L’ex difensore della Juventus, intervistato da Sky Sport, ha parlato della situazione del nostro calcio. Queste le sue parole:

“Parlare del gruppo è importante, la nostra Nazionale ha fatto di questo l’arma più importante. Il problema è che è mancata la qualificazione, i calciatori hanno dato tutto, il risultato è stato negativo e questo condizionerà il calcio italiano per il futuro. E’ il momento di cambiare, speriamo che ci siano regole e idee nuove. Contatti con il sottoscritto? Al di là degli uomini, servono cose nuove. E’ un danno di immagine ma pure sociale, a 360°. Parlo per la gente, che vuole un progetto nuovo e diverso, idee nuove, vuole vedere qualcosa di differente. Non so chi sarà incaricato ma da italiano non vedere la Nazionale al Mondiale mi fa male. Una proposta? Non posso, sono sotto contratto con una squadra: Ci sono tecnici più bravi e con più esperienza di me ma il problema non è l’allenatore o i calciatori. E’ un problema di movimento italiano negli ultimi dieci anni, abbiamo cercato di imitare gli altri quando in Italia abbiamo sempre avuto cultura e idee”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI