#NapoliShakhtar 3-0 – Apre una perla di Insigne, poi si scatena Mertens: il Napoli può continuare a sperare nella qualificazione

Condividi la notizia sui social

Serviva una vittoria per tenere salde le speranze di qualificazione e rimandare tutto all’ultima giornata, bastava anche “solo” una vittoria di misura per 1-0. Il Napoli però non è solito vincere senza esagerare, dunque si regala un 3-0, sbarazzandosi dello Shakhtar grazie alle reti di Insigne, Zielinski e Mertens.

Primo tempo che inizia a ritmi alti, con il Napoli che ha subito l’occasione per aprirla con Callejon, il quale con il suo classico taglio mette in pericolo la retroguardia ucraina. Successivamente, la gara entra in una fase di stallo con le due squadre molto contratte e prudenti. Lo Shakhtar ha però la chance del vantaggio al 9′: clamoroso errore di Diawara, Ferreyra giunge in area e porge uno splendido filtrante per Taison che la manda sull’esterno della rete. Partita che si blocca nuovamente, gioco spezzettato e tante interruzioni.
Al 27′ il Napoli sfiora la rete dell’1-0 con Insigne: ottimo filtrante di Hamsik per il folletto napoletano, il quale con il suo classico tiro a giro costringe Pyatov al miracolo e al calcio d’angolo. Dopo 4 minuti risponde lo Shakhtar: cross dalla sinistra di Ismaily, Marlos controlla, dribbla Chiriches e scaraventa un tiro violento smanacciato in corner da Reina. Al 39′ altro regalo di Diawara agli ospiti, con un sanguinoso pallone perso a centrocampo, che per la fortuna degli azzurri viene messo in calcio d’angolo da Albiol. Sull’azione dell’angolo Fred impegna Reina con un tiro dalla trequarti, il quale si fa trovare pronto. La prima frazione di gioco si chiude sul risultato di 0-0.

Dopo un inizio garibaldino del Napoli, lo Shakhtar trova un’interessante ripartenza al 49′, con Fred che però finalizza male facendo arrivare un docile pallone tra le braccia di Reina. Fiammata azzurra al 52′: inserimento dalla destra, palla che finisce sulla trequarti ma Diawara spara fuori, sebbene ci sia stata una deviazione ucraina. E’ entrato un altro Napoli in questo secondo tempo. Un gioiello di Insigne la sblocca al 57′: azione personale del numero 24 azzurro, il quale si accentra, ne salta due e la piazza magistralmente a giro nell’incrocio dei pali. Prova a rispondere la squadra ucraina con Marlos, ma il suo tiro è lento e Reina blocca senza problemi. Il Napoli inizia a prendere in mano la gara, limitandosi però ad amministrarla senza affondare.
Clamorosa occasione sprecata da Zielinski al 68′: grave errore di Butko che serve Pyatov senza accorgersi di Mertens appostato alle spalle del portiere; il belga serve il polacco che a porta vuota calcia incredibilmente alto. Splendida azione del Napoli al 75′, con la classica magnifica azione corale degli azzurri che dalla propria retroguardia giungono fino al tiro sempre con un tocco. Il Napoli la chiude all’81’ con Zielinski: altra azione per palati fini dei partenopei, splendido tocco in area di Mertens che serve il polacco che chiude la gara. Due minuti dopo arriva anche il terzo gol: angolo battuto dalla sinistra, la palla finisce a Mertens che insacca. Nel finale normale amministrazione del triplo vantaggio per il Napoli. La partita finisce dunque 3-0 per gli azzurri.

Con questa vittoria per 3-0 il Napoli sale a quota 6 punti, mentre lo Shakhtar resta stabile al 2° posto con 9. Nell’altra gara della serata il Manchester City piega per 1-0 il Feyenoord, garantendosi il primato del girone con 15 punti, mentre gli olandesi restano a 0. Discorso qualificazione rimandato all’ultima giornata, con il Napoli che ha bisogno di vincere a Rotterdam e sperare nella contemporanea sconfitta dello Shakhtar contro il Manchester City.

NAPOLI (4-3-3): Reina 6.5; Maggio 5.5, Albiol 6.5, Chiriches 6, Hysaj 6.5; Zielinski 6 (86′ Mario Rui SV), Diawara 6, Hamsik 6 (76′ Rog 6); Callejon 6.5, Mertens 7, Insigne 7.5 (65′ Allan 6.5). All. Sarri

SHAKHTAR (4-2-3-1): Pyatov 5.5; Butko 5, Ordets 5, Rakitskiy 5.5, Ismaily 6; Fred 6.5, Stepanenko 6 (69′ Patrick 5.5); Marlos 5.5 (80′ Dentinho SV), Taison 6.5, Bernard 6; Ferreyra 5.5. All. Fonseca

Arbitro: Skomina (Slovenia)

Marcatori: Insigne (N), Zielinski (N), Mertens (N)
Ammoniti: Diawara (N), Maggio (N), Chiriches (N), Ismaily (S), Ferreyra (S), Reina (N)
Espulsi: – 

TOP90esimo: Insigne 7.5  – Mezzo voto in più per l’immensa bellezza dell’arcobaleno che ha portato in vantaggio i suoi, ma la sua è una prestazione, l’ennesima, da incorniciare. Tanta quantità e tanta qualità. E’ l’unico ad essere stato sempre pericoloso, fin dal primo tempo. E pensare che qualcuno l’ha lasciato in panchina per 90 minuti in un playoff valido per l’accesso ai Mondiali… 

FLOP90esimo: Butko 5 – Non è un compito affatto semplice, ma non contiene mai Insigne, compresa l’azione dell’eurogol dell’azzurro, in cui si fa saltare come un birillo. Inoltre, è suo il sanguinoso passaggio a Pyatov che stava regalando il 2-0 al Napoli già al 68′. 

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall’infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.