Mondiali, Shevchenko sull’Italia: “Gli azzurri mi hanno sorpreso, ma sono stati anche sfortunati”

shevchenko
Condividi la notizia sui social

La mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali 2018 in Russia ha provocato scalpore in tutto in mondo, con tutte le persone appassionate a questo sport, e che hanno seguito le qualificazioni, che sono rimaste basite da quanto accaduto nel doppio confronto tra gli azzurri e la Svezia, che è riuscita ad ottenere una vittoria nel match di andata ed un pareggio a reti inviolate in quello di ritorno e si è, di conseguenza, qualificata alla fase a gironi della medesima competizione.

Di questa catastrofe sportiva ha parlato anche un ex calciatore che conosce molto bene l’ambiente calcistico italiano, ovvero Andriy Shevchenko. Infatti, l’attuale allenatore dell’Ucraina ha affermato che la Nazionale Italiana lo ha sorpreso, ma ha poi provato a giustificare il tonfo degli italiani parlando della scarsa lucidità sotto porta dei calciatori e della sfortuna.

Ecco le parole di Shevchenko, riportate da itasportpress.it:
“Certo, gli italiani mi hanno sconvolto. Ma nel calcio può essere tutto allo stesso tempo facile e difficile: per vincere, è necessario concretizzare le occasioni. Nella partita contro gli svedesi, la squadra azzurra non l’ha fatto, anche se le statistiche, ovviamente, parlano da sole. Non vorrei fare affermazioni categoriche. In Italia capiranno tutto da soli. Per la prima volta dopo 60 anni la Nazionale italiana non parteciperà al Mondiale. Ma non dimentichiamo che gli italiani erano nello stesso gruppo della Spagna e hanno comunque racimolato 23 punti. In altri casi, sarebbero stati sufficienti per il primo posto, ma sono stati sconfitti ai playoff. Senza nulla togliere ai meriti della squadra svedese gli Azzurri non sono stati per niente fortunati. L’Italia non meritava un simile destino. Buffon? Tutti speravano che il portiere della Juventus finisse la sua carriera in Azzurro ai Mondiali, ma l’addio alla nazionale non è sempre felice”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI