Milan, Montella: “La squadra ha superato la prova. In campionato segniamo poco”

montella
Condividi la notizia sui social

Il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, ha parlato in conferenza stampa al termine della gara vinta dai rossoneri contro l’Austria Vienna.

Ecco le parole dell’allenatore campano, riportate da milannews:

I gol di Silva in Europa: “Il calcio italiano è diverso, c’è molto meno tempo e spazio di pensare e di scegliere. Si abituerà presto, ha qualità e riuscirà a fare in campionato anche quello che fa in Europa League e con la sua nazionale”.

Le prossime 6 giornate di campionato, quanti punti? “Come si fa a fare le previsioni? Abbiamo meno di 48 ore per affrontare una squadra forte come il Torino. La mia testa è esclusivamente su questa, le tabelle non le farò mai. E chi le fa, puntualmente sbaglia”.

Le due punte contro il Torino: “Quindi Suso out? Fatemi capire. Non sono convinto che i tifosi vogliano due punte con Suso alle spalle. I tifosi vogliono la vittoria, al di là di chi gioca. Abbiamo degli equilibri da mantenere, quindi dobbiamo stare attenti. Adesso che ho rimesso Suso vicino alla porta, mi state martellando dicendo che è tutto sbagliato”.

Kakà in società: “È un ragazzo straordinario, è stato fantastico per il Milan. Non so ancora cosa voglia fare, dunque per ora è così. Mi sono emozionato a salutarlo, quando sorride emana sempre simpatia e purezza”. 

La coppia offensiva Cutrone-André Silva: “Ottima partita ma sono veramente giovani, non riesco a quantificare quanto possano crescere ancora”.

Il percorso di Borini nel nuovo ruolo: “Lui ha sempre giocato così (ride, ndr). Si è adattato benissimo, sembra che giochi esterno da sempre. Sta migliorando molto, se riuscisse a fare un ulteriore step fisico sarebbe ottimo”. 

La prova di Biglia e Kessie: “Sono due giocatori diversi ma non li valuto”.

Le condizioni di Bonucci: “Nulla di grave, ma non ho ancora approfondito”.

Il vantaggio ospite: “Non me lo aspettavo ma ero desideroso di vedere la reazione. Hanno superato la prova con logica e intelligenza”. 

I gol segnati: “Dobbiamo essere competitivi sempre, in campionato abbiamo segnato troppo poco”.

Tanti gol per valore dell’avversario? “Non credo. Penso invece che la squadra stia migliorando, ma è normale che giocare contro l’Austria Vienna dia maggiori possibilità di segnare che il Napoli, per dirne una”. 

Il significato della vittoria: “Successo importante. Il primo mini obiettivo è raggiunto. Questo primo posto ci permetterà di presentarci sereni in campionato anche se faremo il nostro dovere anche nell’ultima giornata di Europa League. La squadra mi è piaciuta perché dopo lo svantaggio non abbiamo perso la testa e abbiamo continuato a giocare. Felice per aver recuperato il gol con una vittoria, non era mai successo. Anche gli attaccanti hanno segnato, quindi serata positiva”. 

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l’Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista.
Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.