Milan, Montella: “Calhanoglu a rischio. Napoli da limitare con aggressività e possesso palla”

Montella
Condividi la notizia sui social

Alla vigilia del match contro il Napoli, valevole per la 13esima giornata del campionato di Serie A, il tecnico del Milan Vincenzo Montella ha parlato alla stampa nella consueta conferenza pre-partita. Queste le sue parole, riportate da Iamnaples.it:

Il nuovo preparatore atletico Innaurato? “E’ cambiato poco rispetto prima, lui ha grande esperienza e saprà dare il suo contributo. La squadra sta bene anche senza di lui e lo ha dimostrato anche nelle scorse settimane“.

Su Biglia: “Il calciatore non è al meglio, ma questa settimana si è allenato con noi”.

Problemi per la pausa delle Nazionali? “Allenando le grandi squadre ti porta spesso ad avere giocatori impegnati con le Nazionali e che comunque affrontano sfide ogni tre giorni. Avendo una rosa nuova mi sarebbe piaciuto avere i calciatori più tempo a disposizione, ma questo non deve darci nessun alibi”.

Sulla gara: “Molto dipende dal loro modo di affrontare la gara, dalle loro trame e non possiamo restare troppo bassi contro il Napoli”. 

Partita della scintilla? “Queste gare che con l’atteggiamento ed il risultato giusto può darti una nuova convinzione, poi è ovvio che la gara vale tre punti come tutte le altre”.

Prosegue: “Nei miei calciatori vedo grandi potenzialità, possono crescere molto. Il mio compito è lavorare sui calciatori che ho a disposizione”.

Andrè Silva? “Non segna in Europa League? Beh, non sta giocando. Lui sta crescendo, fa tutto parte di un percorso come d’altronde sta lavorando tutta la squadra”.

Problemi del Milan negli scontri diretti? “Questi sono numeri chiarissimi, è ovvio che ci vuole del tempo anche se lo diciamo spesso, ma la società ha lavorato e investito per tornare alle pari delle grandi squadre”.

Insigne vorrà riscattarsi dopo la Nazionale? “Non ha la febbre? (ride). Parliamo di un calciatore di grande qualità”.

Bonucci in Nazionale?Mi è piaciuto molto in Nazionale, credo che la pausa forzata gli abbia fatto bene. E’ cresciuto molto nell’interpretazione insieme ai compagni, è un calciatore che si sta ritrovando ”.

Contento di come arriva la squadra all’appuntamento contro il Napoli? “Dispiace non avere tutta la squadra a disposizione, ma abbiamo trovato una certa continuità di gioco ed abbiamo una propria identità”.

Mertens? “Sta facendo cose straordinarie, mi sorprende la predisposizione al sacrificio dell’intero reparto offensivo azzurro”.

Bloccare il Napoli come ha fatto l’Inter? “Affrontare il Napoli è complicato, gli azzurri sanno fare al meglio la partita e aldilà dell’aspetto tattico conta la sicurezza e la fiducia, bisogna limitare il loro fraseggio mediante aggressività e provando a tenere palla”.

Calhanoglu ci sarà? “Stiamo valutando se rischiarlo o lasciarlo a casa con le cure del caso”.

Napoli senza Ghoulam? “Ghoulam è un ottimo giocatore, la squadra del Napoli funziona alla perfezione, parliamo di una squadra che ha ottenuto 97 punti nelle ultime 38 gare e credo che il Napoli abbia sostituti adeguati come Mario Rui”.

Prosegue: “Noi veniamo da due trasferte difficili dove abbiamo vinto agevolmente, peccato che in mezzo a queste due trasferte abbiamo affrontato la Juve che domina in Italia ed affrontiamo ora il Napoli che gioca miglior calcio in Europa”.

Settimana difficile visto la situazione in Nazionale. Come stanno i calciatori? “Per certi versi è ovvio lavorare su aspetti psicologici, è un po’ come quando si attende il risultato di un esame. La sconfitta della Nazionale è un risultato che fa male. Capita la delusione, ma anche la gioia, come a Suso che ha esordito in Nazionale. Una gara come queste aiuta, porta sicuramente motivazioni”.

Guarda Anche...