Mazzola: “Stasera l’Italia può ancora giocarsela, non bisogna partire battuti. Ventura mi piace”

mazzola
Condividi la notizia sui social

Intercettato a margine della presentazione della strada intitolata al padre Valentino, Sandro Mazzola, ex leggenda dell’Inter e della Nazionale, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Tuttomercatoweb soffermandosi in particolare sulle possibilità di vittoria dell’Italia questa sera contro la Svezia: “Dopo tanti anni c’è ancora il ricordo di mio padre. Lui e gli altri della sua epoca hanno lasciato il segno, in anni non belli per il nostro paese

Erano un esempio per tutti nel dopo guerra. Mi ricordo quando mi portava al campo, avevo paura e mi aggrappavo alla sua mano, se c’era lui potevo fare tutto. Poi mi è andata bene anche a me nella mia carriera. Non è giusto che sia io a dire che mio padre è stato il giocatore più completo della storia italiana, ma in molti mi hanno raccontato e detto che sapeva fare veramente tutto, era un centrocampista che riusciva a vincere la classifica cannonieri.

Se servirebbe all’Italia attuale? Servirebbe a tutte le Nazionali. Il Torino quest’anno sta facendo bene ma deve continuare così. Anche l’Inter sta facendo bene e Spalletti mi piace molto. Belotti? Mi piace moltissimo, spero che recuperi bene. Italia-Svezia? Secondo me gli azzurri possono ancora giocarsela, non bisogna mai partire battuti. Ventura mi piace, dobbiamo pensare a ciò che ha a disposizione. Dobbiamo cambiare il modo di crescere i giovani”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall’infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.