#JuventusCrotone 3-0; i bianconeri vengono arginati nel primo tempo, nel secondo dilagano

Mandzukic
Condividi la notizia sui social

Allo Juventus Stadium si sfidano la Juventus di Massimiliano Allegri e il Crotone di Davide Nicola in un match valido per la quattordicesima giornata d’andata del campionato di Serie A 2017/2018. La squadra di Allegri vorrà sicuramente rifarsi dopo la brutta sconfitta di settimana scorsa con la Sampdoria, per continuare la rincorsa all’Inter e al Napoli capolista. Anche gli ospiti sono usciti sconfitti dal precedente turno di campionato, cadendo tra le mura amiche contro il Genoa; i ragazzi di Nicola, nonostante l’evidente gap tecnico con gli avversari, non hanno intenzione di perdere ulteriori punti per strada, cercando di conquistare almeno un punto, che potrebbe rivelarsi molto utile per staccarsi ulteriormente dalla zona salvezza, da cui al momento i rossoblù distano appena tre punti.

SINTESI PARTITA: Nei primi dieci minuti di partita la Juventus prova a scardinare l’arcigna linea difensiva del Crotone gestendo la palla nella metà campo avversaria, senza però riuscire a bucare gli avversari. Al 13′ Douglas Costa scalda i guanti di Cordaz con un tiro dalla distanza, che il portiere riesce però ad addomesticare facilmente tra le proprie mani. Bisogna aspettare quasi venti minuti per poter vedere un’altra occasione da gol; al 32′ Dybala prova a battere il portiere avversario da lontano, che però non si fa sorprendere; pochi secondi dopo Matuidi sfiora il gol del vantaggio con un colpo di testa sferrato nell’area piccola su cross di Douglas Costa, ma il suo tentativo termina di poco a lato del palo. Quattro minuti dopo Alex Sandro effettua da venti metri un tiro molto pericoloso, con Cordaz che però è bravo a non farsi soprendere, come del resto anche nelle occasioni precedenti, respingendo con prontezza in calcio d’angolo. Al 40′ si affaccia per la prima volta nell’area di rigore avversaria la squadra di Nicola; doppo una svarione della retroguardia bianoconera, Tonev prova a battere Buffon con un tiro a rientrare dalla sinistra; il suo tentativo termina però sull’esterno della rete. Al 42′ Mandzukic fa il suo primo tiro in porta della partita; imbeccato con un ottimo traversone di prima intenzione da parte di Barzagli, l’attaccante croato, che svetta più in alto di tutti, spedisce il pallone fuori dal campo per una questione di centimetri. Al 52′, dopo innuemerevoli tentativi, passa in vantaggio la squadra di Massimiliano Allegri grazie ad un gran colpo di testa di Manzdukic, pescato come accaduto nel primo tempo ancora una volta da Barzagli. Al 59′ i padroni di casa siglano il secondo gol della partita, portandosi così di due gol in vantaggio rispetto agli avversari, grazie ad un gran gol dal limite dell’area di De Sciglio, che mette così a segno il suo primo gol in A, calciando di prima in maniera splendida su una ribattuta della difesa del Crotone successiva ad un traversone di Douglas Costa. Al 70′ Benatia sigla il 3-0 per la Juventus, con un facile tap-in a porta vuota, dopo un cross basso di Pjanic su cui va a vuoto Cordaz e su cui la difesa del Crotone non riesce ad intervenire. Dopo 90′ minuti di gioco, a cui l’arbitro Gavillucci decide di non applicare il recupero, l’incontro termina con il risultato di 3-0 per i bianconeri, contenuti nel primo tempo grazie all’ottima fase difensiva del Crotone, che nella seconda frazione della gara non è però riuscita a contenere gli assalti dei padroni di casa.

TABELLINO E PAGELLE: 

Juventus: Buffon 6, Lichtsteiner 5.5 (De Sciglio 57′ 6,5), Benatia 6,5, Barzagli 6.5, Howedes 6 (Pjanic 68′ 6,5), Alex Sandro 6, Matuidi 6.5, Marchisio 6 (Sturaro 77′ s.v.), Douglas Costa 6.5, Dybala 6, Mandzukic 7. Allenatore: Allegri

Crotone : Cordaz 5.5, Pavlovic 5, Ceccherini 5, Ajeti 5.5, Samperisi 5,5, Barberis 5 (Aristoteles 79′ s.v.), Mandragora 5.5, Rohden 5, Nalini 5.5 (Faraoni 85′ s.v.), Budimir 5.5, Tonev 5 (Trotta 75′ 5). Allenatore: Nicola

TOP 90ESIMO – Mandzukic 7: Nonostante un primo tempo sottotono, grazie soprattutto al lavoro di Ajeti, bravo nel contenerlo, i bianconeri devono ringraziare il proprio attaccante per aver sbloccato una partita che fino alla fine del primo tempo non erano riusciti a sbloccare; il croato però non solo va in gol, ma come suo solito si muove su tutto il fronte con sudore e sacrificio per liberare spazio per i suoi compagni.

FLOP 90ESIMO – Rohden 5: il centrocampista del Crotone è apparso non in partita per tutti i novanta minuti; fa molta fatica ad arginare Matuidi, riuscendoci in parte nel primo tempo, ma concedendogli moltissimo spazio nella seconda parte della partita. Lo svedese non si rende utile nemmeno in fase di impostazione, con la squadra di Nicola che soffre la mancanza di un uomo in mezzo al campo in grado di gestire il pallone.

Guarda Anche...

CONDIVIDI