Juventus, senti Glik: “Anche City e Dortmund volevano il Monaco nei sorteggi, ma poi…”

Kamil Glik

Il difensore del Monaco Kamil Glik ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Tuttosport in vista della sfida di Champions League tra i monegaschi e la Juventus. Queste le sue parole.

CRESCITA COSTANTE – Sapevamo che avremmo lotatto per vincere il campionato, ma il nostro percorso in Champions è una sorpresa. Nessuna si aspettava che potessimo andare così lontani. Piano piano ci siamo creati una consapevolezza e sicuramente la qualificazione è stata importante. Poi la vittoria col PSG di inizio stagione e le altre vittorie creano autostima“.

OBIETTIVO LIGUE 1 –L’obiettivo più importante? Vincere la Ligue 1, il titolo manca da 17 anni. In questo momento siamo padroni del nostro destino, ma mancano 5 partite. La società sta lavorando bene con giovani talentuosi che stanno disputando una stagione importante. E’ un segnale per tutti“.

SULLA JUVE –Juve fortunata a prendere il Monaco? Mah, lo dicevano anche Manchester City e Borussia Dortmund volevano il Monaco, ma guardate come è andata. Alla fine abbiamo vinto sempre noi. La Juve è favorita sulla carta, ma per noi non conta niente. Nel calcio l’impossibile non esiste. Proveremo a fare un’altra sorpresa“.

EQUILIBRIO – È normale che se hai una squadra da 150 gol in stagione rischi qualcosa in difesa. Le cifre dicono anche che dietro stiamo facendo meglio rispetto all’anno scorso però“.

DIFESA JUVE –Le squadre italiane sono da sempre quelle che difendono meglio. Io non guardo le partite della Juve, però ha sempre fatto bene. Ma non è merito solo dei difensori, difendono di squadra. Anche la Juve ha dei punti deboli, li conosciamo, ma meglio tenerli per me“.

MBAPPE’ – “Se fai questi numeri a 18 anni non solo in Ligue 1, ma anche in Champions, vuol dire che siamo di fronte ad un giocatore eccezionale. Mbappè diventerà tra i più forti al mondo“.

CUORE TORO –È normale che per me sia una partita diversa. Quando ho visto che avevano sorteggiato la Juve il cuore batteva più veloce. A Torino ho vissuto 5 anni splendidi. Un pezzo del mio cuore è granata, ho sentito tutti dopo il sorteggio“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.