Juventus, Allegri: “Dybala titolare contro il Barcellona. Con i blaugrana ci vorrà pazienza”

Allegri
Condividi la notizia sui social

Presente in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League da giocare con il Barcellona, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha risposto alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa dell’Allianz Stadium, analizzando il match di domani, il periodo dei bianconeri e l’assetto tattico che la squadra adotterà.

L’ex Milan, accompagnato in sala da Miralem Pjanic, ha affermato che Dybala partirà da titolare e che rimarrà il rigorista designato nonostante l’ultimo rigore, quello segnato contro la Sampdoria, sia stato tirato da Gonzalo Higuain. Inoltre, l’allenatore ha parlato del percorso della squadra in campionato, dicendo che è attualmente una squadra da quarto posto, e che contro i catalani ci vorrà pazienza per vincere ed arrivare ad Atene, per il match contro l’Olympiacos, più tranquilli.

Ecco le parole di Allegri:

 “Abbiamo perso due partite in campionato: c’è da migliorare, come atteggiamento e intensità, la fase difensiva. Abbiamo preso tanti gol e ne abbiamo segnati tanti, dobbiamo trovare maggiore equilibrio”.

Dybala come Messi? Pesa il confronto?
“Domani Paulo Dybala gioca titolare. I paragoni con Messi? Sono due giocatori completamente diversi, anche fisicamente, mi sembra una cosa ben chiara anche vedendoli muoversi e giocare”.

Chi tirerà il prossimo rigore?
“Abbiamo due rigoristi: Dybala e Higuain. Con la Samp ha scelto di tirare Gonzalo e ha segnato, ma Paulo continuerà a tirare i rigori come sempre”.

Sulla gara contro la Samp:
“La Juventus ha fatto 37 gol, ma ne abbiamo subiti 14. In questo periodo la Juve ne ha sempre “combinata qualcuna”, ma poi nel corso della stagione ha fatto molto bene. Con la Samp abbiamo giocato una buona partita ma ci è mancato il risultato. Bisogna essere un pochino più reattivi, per migliorare la fase difensiva basta avere un po’ più di attenzione. Non penso che la Juventus abbia grandi problematiche”.

Sul Barcellona?
“In 14 partite, non ha ancora perso e ha subito appena due gol, segnandone 22. Ha un equilibrio maggiore, difende meglio e subisce meno. Per noi sarà una partita difficile, ma domani possiamo passare il turno”.

Sul momento Juve: “In trasferta abbiamo preso sempre almeno due gol. Come a Genova, quando negli ultimi minuti sembrava di assistere a una partita tra scapoli e ammogliati. Con il Barcellona servirà pazienza”.

Riposano Khedira e Mandzukic?
“Khedira ha fatto una buona partita. Mandzukic? Devo ancora decidere, se gioca lui, se gioca Douglas Costa e se gioca Matuidi”.

Vincere domani per andare ad Atene più tranquilli, tra Napoli e Inter?
“Il calendario è questo. Dopo Crotone avremo cinque giorni prima dell’Inter. Speriamo di andare ad Atene più tranquilli. Non si può avere botte piena e moglie ubriaca…”.

Barcellona, arma a doppio taglio?
“Nel calcio è così. Se si vincerà saremo tutti bravi. Se perderemo dovremo stare zitti. Dobbiamo lavorare e arrivare a marzo nelle migliori condizioni. Con serenità, voglia ed entusiasmo”.

Quanto è importante Dybala per lei?
“E’ importante quanto sono importanti gli alti giocatori della squadra”.

Ha preparato qualcosa per Messi?
“E’ un giocatore straordinario, fa passare il pallone dove non si crede possibile. Cureremo la fase difensiva in maniera attenta quando sarà in possesso del pallone. Oggi la Juventus è una squadra da quarto posto in campionato”.

Ancora sulla partita.
“Tutti siamo allo stesso punto: giocatori, allenatore e staff. Tutti dobbiamo avere la voglia di andare fino in fondo e vincere, sapendo che il 7° Scudetto sarebbe qualcosa di mai visto prima. Per farlo, serve grande impegno e dedizione”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI