Inter, Materazzi: “Non conta il mio ritorno da dirigente, conta che i cinesi lavorino per il bene della squadra”

materazzi
Condividi la notizia sui social

Marco Materazzi, ex difensore e bandiera dell’Inter, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del sito brasiliano Chuteria FC, tracciando diversi temi, tra i quali il suo passato e le sue attuali ambizioni dopo l’esperienza da allenatore in India. Ecco di seguito l’intervista completa.

Marco, cosa fai oggi?
“Vivo a Perugia con la mia famiglia. Ho una catena di negozi di articoli sportivi e trascorro il mio tempo libero con mia moglie ei miei figli”.

Hai lavorato come allenatore in India. Cosa ne pensi di questa esperienza? Intendi proseguire nella carriera da tecnico?
“È stata una grande esperienza per la mia formazione, soprattutto perché ho ottenuto un titolo, ma non voglio fare l’allenatore qui in Italia. Sono il tipo di persona che dice ciò che pensa, e questo non va bene per un allenatore nel mio paese. Mi piacerebbe avere un ruolo da dirigente, ma non c’è nulla in vista”.

L’Inter, squadra dove hai giocato per un decennio e dove hai vinto tutto, oggi appartiene ai cinesi. Pensi che la possibilità di lavorare da manager possa arrivare da lì?
“La cosa importante è che i cinesi aiutino l’Inter a tornare in alto e a riconquistare titoli, non se Materazzi tornerà a lavorare lì. I cinesi sono dei proprietari che sicuramente vogliono il meglio per il club. Penso che siano ancora nella fase di conoscenza del terreno, del capire come funzionano le cose in Italia e guardare le persone per fare delle scelte giuste. Spero ci riescano”.

Perché Inter e Milan sono in calo? Da molto tempo non riescono a qualificarsi per la Champions League.
“È molto facile criticare, dire che queste cose sono sbagliate piuttosto che altre, ma è importante anche riconoscere i meriti di altri club. Juventus, Roma e Napoli hanno lavorato molto meglio ultimamente rispetto a Inter e Milan ed è giusto che siano più avanti di altri in Italia”.

A proposito di Juventus: fino a quando dominerà la Serie A?
“Difficile dirlo, ma va detto che la Juventus non è arrivata a non avere avversari in Italia per caso. Quando è stata punita con la retrocessione in Serie B , ha approfittato di quell’annata di pianificare per il futuro.  Quello bianconero è il club più organizzato, tutto funziona alla grande, hanno molto potere economico e ha creato una rosa eccezionale. E sono gli unici ad avere uno stadio tutto loro, seguono un modello inglese di amministrazione e hanno molte più entrate rispetto ad altri”.

E a livello europeo, qual è la posizione della Juve?
“A mio parere, sono i favoriti per vincere la Champions League, anche se il Real Madrid è un terribile concorrente, abituato alle grandi partite”.

Perché la Juve è favorita?
“Tutti dicono che la forza della squadra è la difesa, ed è un reparto davvero eccellente. Ma non è solo questo. Si tratta di una squadra molto equilibrata, che ha anche grande qualità in avanti. E, soprattutto, a mio parere, si nota vedendo le partite che tutti corrono per tutti per tutto il tempo, non c’è vanità. Con questa mentalità e la forza della squadra, ha tutto per essere campione”.

Farai il tifo per la Juventus? E la rivalità con l’Inter?
“La rivalità esiste, naturalmente. Se la Juventus vince, va bene. Se perde, va bene lo stesso” (ride, ndr).

Cosa ne pensi di Zidane come allenatore?
“Ha già vinto una Champions col Real Madrid e può fare la storia in questa stagione vincendo il secondo di fila. Complimenti”, risponde in tono serioso.

Hai avuto un grande rapporto con José Mourinho, un tecnico che è a volte criticato per cercare la polemica soprattutto con altri allenatori. Come lo definisci?
“José è una persona vera, che è sempre molto fedele ai suoi giocatori e così può ottenere da loro il 300% del rendimento. Ma se lo deludete avrete problemi…  Comunque è un grande allenatore e una grande persona, è stato un piacere lavorare con lui”.

Qual è il ricordo più bello della sua carriera: il titolo mondiale con l’Italia nel 2006 o il triplete con l’Inter nel 2010?
“Impossibile dire quale fu il più speciale. Segnare due gol nella finale di Coppa del Mondo è qualcosa di straordinario, quella partita ha cambiato la mia vita. E vincere nella stessa stagione il campionato di Serie A, la Coppa Italia e la Champions League è stato meraviglioso. Facendo parte di quel gruppo so bene quanto abbiamo dovuto lavorare duro e quanto abbiamo dovuto soffrire per vincere quei titoli. Non chiedetemi di scegliere tra il 2006 e il 2010, sono stati due favolosi anni”.

Hai vinto la Coppa del Mondo 2006 come riserva, diventando titolare dopo l’infortunio di Alessandro Nesta. Hai segnato due gol e ti sei consacrato campione. Meglio di così non poteva andare.
“Non pensavo di poter uscire così dal Mondiale, ma posso dire che ero al 100% della forma, pronto a dare il meglio di me e avevo fiducia sul fatto che avremmo potuto essere campioni. Pochi credevano nella nostra squadra, ma avevamo un ct come Marcello Lippi che ha passato due anni a dirci che avremmo potuto vincere. Avrei dato il mio meglio anche se avessi giocato cinque minuti o tutte le partite del torneo. E quando sono entrato in squadra ho potuto dare il mio contributo”.

Hai mai vissuto in carriera una situazione simile a quella del Brasile dopo il 7-1 subito dalla Germania?
“Sì, nella gara di andata della finale della Coppa italiana nel 2007. Abbiamo perso 6-2 a Roma. Dopo 15 minuti eravamo sotto 3-0, il primo tempo finì  4-1 … È stato un incubo! Poi abbiamo vinto in casa ma non è servito a niente”.

Per finire: quante volte ti hanno chiesto che cosa hai detto a Zidane prima che perdesse le staffe e ti aggredisse  con un colpo di testa nel finale della Coppa del Mondo 2006? E che cosa hai detto esattamente?
“Sicuramente è la domanda che ho sentito di più in vita mia, né ho idea di quante volte me l’hanno fatta. Lo dico nel mio libro, non c’è bisogno di ripetere”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.