Genoa, Taarabt: “Devo tutto a Juric, mi ha fatto ritrovare l’amore per il calcio. Voglio far bene qui, spero di essere il leader”

Taarabt
Condividi la notizia sui social

Adel Taarabt, trequartista del Genoa, ha rilasciato la seguente intervista ai microfoni del quotidiano Tuttosport tracciando diversi temi, soffermandosi sullo splendido rapporto avuto con l’ex tecnico Ivan Juric: “Io devo tutto a Ivan Juric. Mi ha fatto ritrovare l’amore per il calcio e la voglia di correre dietro a un pallone. Non era facile riuscirci dopo un anno durante il quale non avevo quasi mai giocato. Ma lui ha avuto fiducia in me, ha “accompagnato” il mio ritorno all’agonismo vero e non mi ha mai fatto mancare i suoi consigli. Ora sono dispiaciuto che non sia più con noi ma purtroppo il calcio è così.

Chiariamo subito che le responsabilità del deludente rendimento del Genoa non sono state solo di Juric. Siamo stati tutti responsabili. Ora c’è un nuovo allenatore con altre idee e un’altra mentalità. L’inizio, a Crotone, è stato positivo, ora si tratta di proseguire sulla strada appena delineata.

Derby non ha aiutato Juric? Ovvio. Ma ricordo che nei primi 20’ avevamo giocato meglio noi e se facciamo gol sarebbe stata una partita del tutto diversa da quella che poi è stata. Io trascinatore della squadra? Lo spero e voglio dimostrarlo.

Io preferisco agire dietro alle punte per cercare il gol e magari regalare qualche assist ai compagni. Ma so adattarmi a qualsiasi sistema di gioco. Con Juric agivo a mio piacimento a ridosso dell’attacco e tutto sommato mi trovavo a mio agio.

Voglio far bene qui perché il Genoa mi ha aiutato tanto. Per me il valore di questa squadra, ora, è tra il 9° e il 12° posto. Poi, in estate, durante il mercato, si vedrà”. A riportare l’intervista di Adel Taarabt è il portale Gianlucadimarzio.com.

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall’infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.