#FoggiaTernana, DS Evangelisti: “A Foggia per fare risultato, le prossime 3/4 partite ci diranno chi siamo”

Condividi la notizia sui social

Alla vigilia della partita contro il Foggia, parla in conferenza stampa il DS della Ternana Luca Evangelisti:

“Abbiamo fatto 14 partite, sono passati più di 4 mesi di lavoro. Una squadra rinnovata completamente, sul campo abbiamo espresso un bel calcio e siamo contenti di questo al contrario però la classifica non è buona. La Serie B è lunga e strana, ancora non c’è nulla di deciso ma sicuramente le prossime 3/4 partite ci diranno che campionato sarà il nostro. Domani affronteremo il Foggia, una grande squadra che viene dall’ottima annata della scorsa stagione culminata con la promozione in B. Quello che mi preoccupa della Ternana è che siamo una delle squadre che ha fatto più gol in trasferta ma ancora non abbiamo vinto. Dobbiamo ringraziare i tifosi ed i giornalisti che ci danno la serenità di lavorare e la squadra è sempre pronta per affrontare ogni partita. 

Nelle ultime partite abbiamo trovato un equilibrio più di categoria e questo mi lascia ben sperare, siamo maturati tanto dall’inizio del campionato. Domani ci giocheremo la partita con le nostre caratteristiche cercando di andare a fare risultato ovviamente. Io sono sempre in giro per migliorarmi, bisogna sempre aggiornarsi. La tecnologia è importante sicuramente ma io lavoro sempre di persona perché ci sono dei dettagli che non si possono carpire. Guardando a gennaio siamo partiti con un progetto e lo stiamo portando avanti, se ci sarà bisogno guarderemo al mercato ed in questo senso sarà importante anche vedere con quanti punti concludiamo il girone di andata. Dobbiamo arrivare a dei punti che ti consentono di affrontare il ritorno in maniera tranquilla, sul campo di sicuro meritavamo qualche punto in più e non penso di esagerare. Una cosa molto importante è anche la conoscenza della categoria visto che siamo una squadra completamente nuova. 

I nostri giocatori sono tutti incedibili, è un orgoglio per noi che alcuni ragazzi che abbiamo portato dalla serie minore sono cercati anche da società di B o A. Per quanto riguarda i giovani che stanno giocando poco è un percorso di crescita che devono comunque fare, però occorre avere il coraggio di farli giocare e di dargli opportunità.

Le difficoltà di un direttore sportivo sono quelle di trovare giocatori e profili giusti adatti al gioco dell’allenatore. In questo senso il mister pur non avendo un curriculum importante è riuscito ad inculcare una certa mentalità alla squadra ed è riuscito a trascinare anche il pubblico. Credo che queste siano caratteristiche molto importanti. Con Sandro abbiamo un confronto più che quotidiano, ha caratteristiche geniali sotto questo punto di vista. Anche lui però ovviamente deve conoscere la nuova categoria ed apprendere. 

Quella di domani sarà una partita da affrontare con molta determinazione ed attenzione. Ci sarà un grande ambiente sicuro però questa squadra ha dimostrato di non temere nessuno e di reagire in qualsiasi situazione. In questa squadra manca un giocatore che ci può far fare il salto di qualità che è Finotto, per noi è un’arma importante. Sono sicuro che può dare molto di più e se riuscirà ad esprimersi al meglio ci potrà dare una grande mano”. 

Guarda Anche...

CONDIVIDI