Fiorentina, Pioli: “Domani non ci saranno Badelj e Thereau. Rinnovo di Chiesa un segnale importante”

Stefano Pioli
Condividi la notizia sui social

Stefano Pioli, tecnico della Fiorentina, ha presentato così in conferenza stampa la trasferta di domani pomeriggio a Ferrara contro la Spal, soffermandosi in particolare sull’importante rinnovo di Federico Chiesa: “Cerchiamo di consolidare le situazione che riteniamo positive. Dopo la Roma ero un po’ deluso perché abbiamo commesso degli errori pesanti, perché sono stati fatti nei momenti cruciali della partita. Dobbiamo andare oltre, non possiamo continuare a parlare della partite precedenti.

Parliamo della prossima partita, la sfida con la SPAL, una trasferta difficile dalla quale vogliamo tornare con un risultato positivo. La sosta è stata utile per lavorare, ma le soste ogni volta portano via 12-13 giocatori. Noi lavoriamo per giocare ogni partita al massimo, il nostro obiettivo è quello di crescere tutti insieme per migliorare. Sarà un ciclo di partite importante, il 5 gennaio faremo una prima valutazione”.

Il mercato di gennaio?: “Rimango sorpreso quando iniziate a parlare di mercato così presto, noi dobbiamo costruire una base solida. Il nostro obiettivo è migliorare i giocatori che abbiamo a disposizione, quando arriveremo a gennaio parleremo di mercato”.

Il rinnovo di Chiesa?: “Sono davvero contento, è un segnale, c’è la volontà di costruire qualcosa di importante. Ha tutte le qualità per essere un leader in futuro, ovviamente ha 20 anni ed anche lui potrà avere dei momenti negativi. Lui, come tanti altri, può crescere ancora”.

Come sta la squadra?: “Badelj e Thereau stanno meglio, ma non giocheranno. Domattina faremo un provimo per Laurini, se sarà positivo potrà andare in panchina. Domani giocherà Sanchez al posto di Badelj, ha caratteristiche diverse ma è un calciatore di spessore e qualità”. A riportare la conferenza di Pioli è la redazione di Tuttomercatoweb.

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall’infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.