FIGC, pres. Lega Pro Gravina: “Serve una svolta, Tavecchio deve dimettersi”

gravina
Condividi la notizia sui social

Il Consiglio Federale di domani potrebbe decidere il futuro di Carlo Tavecchio, attuale presidente della FIGC additato come corresponsabile di Ventura per il fallimento della Nazionale azzurra. L’attuale numero uno della Federcalcio potrebbe essere destituito qualora mancasse la necessaria fiducia od in caso di dimissioni spontanee.

Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro, ha chiarito la posizione dell’ultima lega del calcio professionistico nei confronti di Tavecchio ai microfoni della Gazzetta dello Sport:

“Mi dispiace, non ce l’ho con lui, anzi, non è nemmeno il primo responsabile. Il calcio italiano ha bisogno di una svolta, dobbiamo assumerci tutti la responsabilità. Per un atto di generosità dobbiamo fare tutti un passo indietro. I consiglieri della Lega Pro con cui mi sono confrontato in questi giorni vogliono le dimissioni di questo Consiglio federale. E, onestamente, le richiede anche la stragrande maggioranza delle nostre società”.

FUTURO “Dimettersi e accompagnare la Federazione alle elezioni, tra due o tre mesi. Sarebbe lui stesso, da presidente dimissionario, a gettare le basi del rinnovamento approvando quelle proposte a cui abbiamo lavorato in questi giorni. E nel caso in cui volesse ricandidarsi, ne avrebbe tutto il diritto. Ha ancora la sua maggioranza. Sempre che Sibilia continui a sostenerlo e non tragga conseguenze diverse di fronte a un quadro “politico” mutato”.

LEGA PRO“Sono concentrato sul Consiglio di domani. E il 30 novembre, dopo aver approvato bilancio e statuto, rimetterò il mio mandato nelle mani dell’assemblea di Lega Pro e aspetterò serenamente che faccia le sue valutazioni”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI