#EvertonAtalanta, Gasperini: “In Inghilterra partite mai facili. Caldara? Non so se giocherà”

Gasperini
Condividi la notizia sui social

Oggi è vigilia di Europa League per l’Atalanta, che domani sarà ospite dell’Everton.

La ‘Dea’ è stata una vera sorpresa di quest’anno, avendo battuto proprio gli inglesi nel match d’andata all’Atleti Azzurri d’Italia e al momento primi nel girone davanti al Lione, che invece giocherà contro il fanalino di coda Apollon.

In vista del match di domani, importantissimo in chiave qualificazione ai sedicesimi di finale, il tecnico nerazzurro Gian Piero Gasperini è intervenuto in conferenza stampa, riportata qui di seguito.

Sul gruppo. “Questo è un girone dove i margini di recupero sono bassi. Chi parte bene ha grande vantaggio, chi inizia male ha difficoltà di recuperare. La prima con l’Everton è stata importante. Più di tutte, che ci ha permesso così, è l’Everton che è stata una sorpresa in negativo”.

Sulle risposte dei singoli. “Dobbiamo fare un’ottima prestazione, come abbiamo quasi sempre fatto. Dovremo fare il punto senza il risultato di Lione, dobbiamo farne uno. Per arrivare primi dobbiamo pensare a quella decisiva con il Lione, questo è aritmetico. Vorremmo arrivarci con le nostre forze. Per noi la qualificazione è importante, all’inizio della competizione. Siamo lì vicino e bisogna chiuderlo. Silenzio radio? No…”.

Su Caldara. “È recuperato, ma non so se può giocare”.

Sul pensiero più sull’Europa League. “Non ho mai messo come alibi il doppio appuntamento, che sia una giustificazione per il campionato. Sono due competizioni diverse. In EL siamo partiti molto bene, indubbiamente in campionato abbiamo fatto buone prestazioni, ma c’è stato un rendimento un po’ altalenante. Dopo Cipro abbiamo sofferto un po’ di fatica. È l’Europa che ti deve dare una spinta al campionato. Però non sono così negativo, dopo 13 partite abbiamo meritato quello che abbiamo raccolto. Difficile fare paragoni, ma a livello di prestazioni ci siamo ripetuti. Poi abbiamo qualche difficoltà che non ci permettono di fare di più in campionato. Non lo ritengo negativo”.

Sui cambi in formazione. “Sarà la miglior formazione ed è così sempre, lo era anche a Milano, così come contro il Benevento. Rispetto ad altre volte giochiamo di giovedì e poi potremo riposare. Non era successo dopo Cipro, questo ci può permettere di recuperare meglio”.

“Magari fosse una partita semplice, quando vieni a giocare in Inghilterra non ci sono campi semplici, sono squadre sempre molto difficili da affrontare, su questo non ci sbagliamo”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI

Ciao a tutti. Mi chiamo Giuseppe, ho 21 anni e frequento la facoltà di Scienze Politiche. Oltre che appassionato di scrittura di articoli calcistici, sono un tifoso del Napoli sfegatato. Infine, adoro tantissimo la musica, Ed Sheeran in particolare, e suonare la chitarra!