#CrotoneMilan, Montella: “Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare, soffrendo agonisticamente. Europa? Non temiamo nessuno”

Vincenzo Montella

Vincenzo Montella, allenatore del Milan, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport al termine di Crotone-Milan, gara terminata con il risultato di 1-1.

Sulla partita: “Abbiamo sofferto il primo quarto d’ora a livello agonistico. Abbiamo creato poco nel primo tempo, nella ripresa ne abbiamo create di più. Siamo stati poco concreti anche oggi e Donnarumma ci ha salvati. Dobbiamo essere delusi e arrabbiati per il risultato. Siamo ancora in corsa per l’Europa, abbiamo imparato sulla nostra pelle che si possono perdere punti con le squadre più giù in classifica. Torniamo a casa con un punto in più e con un po’ di arrabbiatura”.

Sulla corsa europea:  “Non dobbiamo temere nessuno. Adesso abbiamo due partite facili, con Roma e Atalanta, e dobbiamo pensare a quello. Non guarderò nemmeno Inter-Napoli, saremo in volo”.

Ancora sulla partita: “Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare. A livello tecnico potevamo fare qualcosa in più. Sul temperamento e sul pressing loro sono stati un po’ più determinati. Il gioco non è stato veloce anche a causa del campo”.

Sugli approcci: “Qualcosa di più si può fare. Noi proviamo sempre a giocare e gli avversari giocano più aggressivi e, a volte, vanno anche in vantaggio. Nei secondi tempi loro calano e noi veniamo fuori. Posso dire che gli allenamenti li facciamo al massimo fin dall’inizio”.

Su Donnarumma: “Gigio è un ragazzo giovane. È un bene quando fa queste parate, non vorremmo fargliele fare, ma se le fa ce le teniamo. Anche oggi ha dimostrato di non essere distratto ed è molto maturo”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese. Sogni? Diventare un rinomato scrittore, necessariamente felice.