Caso Futa65, Tavecchio: “Siamo di fronte ad un gesto inqualificabile in un luogo simbolo della violenza nazifascista”

Tavecchio
Condividi la notizia sui social

Nell’incontro disputato nella giornata di ieri fra Marzabotto e la squadra Futa 65, match valido per il campionato di seconda categoria, un giocatore della squadra ospite per esultare in seguito a un goal avrebbe effettuato il saluto fascista ed ha esibito una maglia con lo stemma della Repubblica Sociale Italiana. Il gesto non è passato certamente inosservato, infatti il Comitato Regionale Emilia Romagna della Lega Nazionale Dilettanti ha prontamente inviato gli atti alla Procura Federale per analisi ulteriori.

 

In merito a questi avvenimenti, anche il presidente della FIGC Carlo Tavecchio è intervenuto con pesanti dichiarazioni: “Siamo di fronte ad un gesto inqualificabile in un luogo simbolo della violenza nazifascista. Ho parlato al telefono con il presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna Paolo Braiati, sollecitando un intervento immediato per consentire alla Giustizia Sportiva di prendere provvedimenti”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI