Benitez “Juve superiore a tutte, Napoli e Roma subito sotto. All’Inter ho vinto senza soldi”

benitez
Condividi la notizia sui social

Promozione in Premier League appena raggiunta con il suo Newcastle per Rafa Benitez, ex mister di Inter e Napoli. Lo spagnolo ha parlato ai microfoni del Corriere dello Sport riguardo la sua esperienza in Italia e sul nostro calcio in generale: “Ho scelto di restare a Newcastle perché volevo riconquistare quella Premier League che avevamo tentato di difendere quando arrivai e trovai una situazione disperata. In Italia c’è sempre la Juve in testa? Non è un caso. È una società all’avanguardia, che ha anche potere economico: sono in condizione di spendere, e l’hanno fatto acquistando Higuain, Pjanic, Benatia e anche giovani di valore. Si sono irrobustiti e hanno sottratto alle principali concorrenti giocatori rappresentativi. Questa situazione può durare ancora un po’, perché le distanze con Roma e Napoli sono ancora nette, favorite anche da un bilancio che aiuta a fare la differenza. Ma il gap si può colmare, però serve tempo e anche qualche idea: avere tanti soldi è un privilegio, ma saper programmare è un valore aggiunto che può avvicinare. Non è certo un caso che anche stavolta Napoli e Roma si stiano giocando secondo e terzo posto, anche questi sono segnali: vuol dire che sono dietro alla Juventus, ma davanti a tutte le altre. E di parecchio”. 

SULL’INTER – L’Inter? È stata sprecata un’opportunità e mi sembra di averlo sottolineato varie volte. Quando arrivai, ricevetti promesse che non sono poi state mantenute. Avevo tracciato un percorso, era arrivato il momento di cambiare: non per capriccio, ma per necessità, perché l’età-media era diventata alta. Finì male, ma non per colpa mia, che comunque ho contribuito ad aggiungere, nella bacheca, una Supercoppa Italiana e una Coppa Intercontinentale. Stiamo parlando di una grande società, che farà bene e ne sarò felice, perché lì ho lasciato tanti amici. Cosa non andò? Mi sembra superfluo tornarci. È passato così tanto tempo, che non val la pena ricordare. Senza spendere abbiamo conquistato due trofei e penso sia stato bello per chiunque”. 

SUL NAPOLI – Il Napoli? Abbiamo fatto quello che si poteva: non è un difetto avere una disponibilità economica inferiore ad altri club. Ma De Laurentiis è stato bravo a portare il Napoli a essere stabilmente tra le grandi. Se c’è anche qualcosa di mio nella squadra allestita, e penso ci sia, ne sono orgoglioso. Poi è arrivato un momento in cui le strade dovevano dividersi, avevamo visioni diverse sulla gestione, sulla politica societaria. Ma l’abbiamo fatto con rispetto assoluto, l’uno dell’altro”. Riporta Calciomercato.com

Guarda Anche...

CONDIVIDI